print preview Ritornare alla pagina precedente WEF – CUMINAIVEL

In guardia da migliori amici

Cuminaivel ha visitato il bat fant mont 29 durante un turno di guardia. Cosa abbiamo scoperto? I soldati non sono solo concentrati, ma si fanno anche forza l’uno con l’altro. Due di loro hanno costruito un rapporto speciale in questo CR. Una nuova amicizia che tocca il cuore.

22.01.2020 | CUMINAIVEL | ni/ab

200120_Wache_Kamaradschaft_Export_PPD0156

 

Stare di guardia. Dalle 8 del mattino alle 20 della sera: dodici ore. Sempre insieme. Ogni giorno. Senza cellulare. Una situazione che cementa i legami. "Abbiamo molte conversazioni private. A volte profonde, a volte superficiali. Insieme passiamo dei bei momenti, ridiamo molto", sottolinea il soldato Igor Djokic. Il suo camerata, il soldato Kevin Njeri, annuisce.

Per i due militari è l'ultima settimana del CR di quest'anno al WEF. In questi giorni hanno coltivato una vera amicizia. «Non condividiamo i turni di guardia per caso. A inizio corso ci è stato permesso di scegliere il nostro collega», spiega Njeri. I due si conoscevano dal 2019: e se per Djokic è il secondo CR, Njeri sta completando il suo quinto corso di istruzione. Per entrambi è la migliore esperienza militare mai avuta finora. "Siamo concentrati sull’impiego" sottolinea Njeri. Il soldato Djokic aggiunge: "Ma insieme ci divertiamo molto. La combinazione perfetta. Una sorta di ‹dream team›!"

Mentre discutiamo con i due soldati, percepiamo che la loro amicizia è sincera. Alla faccia della noia! "Naturalmente la guardia non è sempre eccitante. Ma bisogna sempre essere concentrati. E se il tuo camerata sta passando un brutto periodo, lo sostieni". Se c’è tempo per farlo  Djokic dà anche consigli amorosi al suo nuovo amico. "Oggi abbiamo parlato di donne. Ha una ragazza. A volte suggerisco cosa scriverle", dice Djokic facendo l’occhiolino.

I soldati del bat fant mont 29 sono fortunati quest'anno. "Le condizioni meteorologiche sono migliori rispetto agli anni precedenti. Il sole splende. Non fa così freddo. Non possiamo che esserne felici", rileva Njeri. E se il freddo dovesse farsi avanti, i due sanno come aiutarsi a vicenda. La loro ricetta? Indossare più strati. "Magliette termiche, dolcevita, pile, TAZ e Gore-Tex. È così che si sfida il freddo", precisa Njeri.

Cosa succederà al "dream team" quando il CR sarà finito? "Resteremo amici", affermano entrambi all'unisono. Non a caso hanno già fissato una data per incontrarsi in civile. Soldato Djokic e soldato Njeri: un'amicizia militare e per la vita.

200120_Wache_Kamaradschaft_Export_PPD0235
© @VBS/DDPS, Autor: Paritteepan Premraj