print preview Ritornare alla pagina precedente WEF – CUMINAIVEL

La Svizzera si presenta

Durante il Forum economico gli occhi sono puntati su Davos. L’interesse internazionale unito alla presenza di ospiti di alto livello offrono alla Svizzera una ghiotta occasione di mostrarsi come piattaforma di marketing. A questo scopo la Confederazione ha creato «Casa Svizzera».

22.01.2020 | CUMINAIVEL | rb

200120_House_of_SwitzerlandDSC01864



«Casa Svizzera» è abituata a viaggiare per il mondo, soprattutto per seguire le Olimpiadi. In occasione dei Giochi, il padiglione diventa il luogo rossocrociato d’incontro per eccellenza, dove celebrare i medagliati, ma anche dove accrescere l’immagine della Svizzera all’esterno attraverso lo scambio pubblico. Al WEF 2020 Casa Svizzera avrà però un altro obiettivo: «Il WEF è un evento importante che la Svizzera utilizza come piattaforma di comunicazione e di networking», afferma Peter Fankhauser. È il vicecapo di Presenza Svizzera, la sotto-organizzazione del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) che è responsabile di Casa Svizzera.

Il DFAE ha affittato per una settimana l'area dei garage della Vaillant Arena di Davos, dove organizzerà diversi eventi tematici. Tra gli invitati ai colloqui e alle tavole rotonde figurano i principali rappresentanti dell'economia nazionale e internazionale. Inoltre sono disponibili quattro sale riunioni separate che i Consiglieri federali potranno utilizzare per i colloqui bilaterali.

Militari agli ingressi

Essendo nei pressi del Centro congressi, sono in vigore misure di sicurezza severe sia all’interno che attorno a Casa Svizzera. «Nulla di tutto questo sarebbe possibile senza l'aiuto della Polizia cantonale e dell'esercito», ammette Peter Fankhauser. Polizia Militare e cantonale si occupano infatti di controllare gli ospiti agli ingressi.

Da ormai 50 anni il WEF attira in Svizzera una volta all’anno i principali attori del panorama politico ed economico internazionale. Per celebrare il ruolo chiave del WEF e per ripercorrerne il primo mezzo secolo di storia, la Confederazione ha commissionato un’edizione illustrata per il giubileo dal titolo «Ospitare il mondo». Martedì sera è stato organizzato un vernissage per presentare il libro in occasione dell’inaugurazione di Casa Svizzera. Se però non eravate tra gli invitati, non temete, da mercoledì sera Casa Svizzera è aperta al pubblico.