print preview

Ritornare alla pagina precedente Promovimento militare della pace


Pianificazione dei voli di rifornimento della SWISSCOY

L’ufficiale specialista Sasha Bonavia è l’air operator (Air Ops) del 46° contingente SWISSCOY. Con il change of command a metà aprile 2022 ha assunto a Pristina l’organizzazione e la pianificazione dei voli di rifornimento della SWISSCOY. Originario del Canton Basilea Campagna, ha visto casualmente il bando di concorso di Air Ops ed ha subito capito che si sarebbe candidato per questa funzione, anche perché dopo il primo impiego di promovimento della pace di 20 anni fa aveva sempre sognato di effettuarne un altro.

27.04.2022 | Ufficiale specialista Norbert Jenal, ufficiale stampa e informazione 46° contingente SWISSCOY

SCY_AirOps_Sasha edit (6)

L’ufficiale specialista Sasha Bonavia sa bene cosa comporta la funzione di Air Ops poiché ha già svolto la stessa funzione durante il suo primo impiego di promovimento della pace. «Mi sono candidato consapevolmente per questa funzione, non solo per le relazioni interpersonali. Mi interessa anche tutto ciò che sta attorno, infatti l’aviazione è la mia passione.» L’ex sergente maggiore capo delle truppe di fortezza si ricorda benissimo del suo primo impiego. Ancora oggi intrattiene uno stretto rapporto di amicizia con i suoi camerati di allora. «Per me quello è stato il periodo di servizio militare più bello che abbia mai vissuto», afferma il militare, che spera di rivivere la stessa esperienza anche stavolta.

Quando ho letto l’annuncio mi sono reso conto che quella era la mia opportunità

 

Nella sua funzione di Air Ops, Sasha Bonavia è la prima persona che i passeggeri incontrano all’arrivo e l’ultima che vedono al momento del loro rientro in Svizzera. «Quindi conosco tutti i 195 militari del contingente SWISSCOY.» L’ufficiale specialista Bonavia è titolare di una licenza di pilota privato e dopo il suo tirocinio come elettromeccanico di velivoli si è costantemente perfezionato nel campo dell’aviazione. Da ultimo ha lavorato come change manager per Skyguide. In quella funzione è il punto di contatto tra il controllo del traffico aereo civile e militare, di cui difende gli interessi. Grazie alle sue molteplici esperienze professionali nell’aviazione, Sasha Bonavia è un candidato ideale per la funzione di Air Ops nella SWISSCOY. «Quando ho letto l’annuncio mi sono reso conto che quella era la mia opportunità. Non ho avuto bisogno di un lungo periodo di riflessione. Fortunatamente mia moglie e il mio datore di lavoro hanno acconsentito al mio impiego di promovimento della pace».

 

Prima dell’inizio del suo impiego a metà aprile c’è stato il passaggio di conoscenze ed esperienze con chi l’ha preceduto. «La fase di rielaborazione e introduzione, in gergo militare HOTO, è stata molto intensa. Oltre alle conoscenze specialistiche, la collega che mi ha preceduto mi ha dato molti consigli e mi ha suggerito numerosi stratagemmi. Piccolezze, come per esempio i difetti della stampante oppure, la cosa più importante nel mio lavoro, il modo di gestire le persone». Oltre alle conoscenze nel campo dell’aviazione, come detto l’Air Ops del 46° contingente SWISSCOY vanta anche esperienza d’impiego: ha infatti già svolto un impiego di promovimento della pace nell’inverno 2002/2003. In seno al settimo contingente SWISSCOY esercitava la funzione di sostituto caposezione della sezione delle trasmissioni, nella quale è tuttora integrato il movement control (MOVCON). A quell’epoca in Kosovo non esistevano né una rete di telefonia mobile né Internet. «Gestivamo le reti d’ambasciata e assicuravamo le comunicazioni verso la Svizzera tramite comunicazione satellitare», dichiara il nuovo Air Ops, che prosegue: «Comunque nei primi tempi dopo la guerra la situazione era completamente diversa. L’infrastruttura era fuori uso e tutto era stato distrutto dalle bombe. Di fianco alle strade c’erano numerosi campi minati. Oggi anche la presenza della KFOR non è più così dominante. Questo mi ha sorpreso in positivo». La KFOR ha costantemente adattato l’adempimento dei suoi compiti alla situazione.

Grazie alla buona fase introduttiva mi sento pronto per l’impiego.

 

Sull’aerodromo militare a Slatina nei pressi di Pristina, l‘Air Ops è il coordinatore di SWISSINT a Stans-Oberdorf, dove vengono pianificati i voli. Nel Camp è invece l’amministratore incaricato di organizzare i voli di rifornimento. In entrambi i casi è al servizio del contingente. Sasha Bonavia è una persona tranquilla, molto aperta e apprezza la convivenza con altre persone. Dopo il change of command e la partenza della persona che l’ha preceduto, deve ora sbrigarsela da solo come Air Ops. «Grazie alla buona fase introduttiva mi sento pronto per l’impiego. Sono però anche consapevole che durante le prossime settimane commetterò probabilmente ancora degli errori. Adesso è importante procedere in modo strutturato, non dimenticare nulla. Questa sarà probabilmente la sfida maggiore nelle prime settimane. L’obiettivo principale è che i miei camerati del contingente possano sempre accomodarsi nel velivolo e decollare puntualmente».


Ritornare alla pagina precedente Promovimento militare della pace