print preview Ritornare alla pagina precedente Comando Istruzione

L’esercito sostiene la promozione dei giovani talenti in ambito culinario

Grazie alla stretta collaborazione tra l’esercito e la Società svizzera dei cuochi, un nuovo concetto intende rendere più attrattiva la funzione del cuoco di truppa e, al contempo, creare le migliori condizioni possibili per le competizioni culinarie svizzere.

17.12.2020 | Comunicazione Centro d’istruzione della sussistenza

I cuochi di truppa selezionati Jan Schmid (sinistra) e Dominik Roider (destra) al momento della firma dell’accordo sulle prestazioni con Tobia Ciarulli, teammanager delle squadre nazionali (dietro a sinistra) e l’aiutante sottufficiale Sascha Heimann, capo SACT.
I cuochi di truppa selezionati Jan Schmid (sinistra) e Dominik Roider (destra) al momento della firma dell’accordo sulle prestazioni con Tobia Ciarulli, teammanager delle squadre nazionali (dietro a sinistra) e l’aiutante sottufficiale Sascha Heimann, capo SACT.

L’Esercito svizzero si impegna in favore di una qualità a lungo termine. In particolare ciò vale nell’ambito dell’istruzione di giovani svizzeri durante le scuole reclute (SR). Dopo un’intensiva fase pilota, con la firma dell’accordo sulle prestazioni con la Società svizzera dei cuochi è stato suggellato un ulteriore tassello nell’impegno per la promozione dei giovani talenti.

Un’istruzione variegata

Un massimo di tre reclute selezionate quali cuochi di truppa presta la SR con un programma di nuova concezione. Al riguardo è necessario inoltrare una candidatura prima del servizio e superare la relativa selezione di fronte a specialisti del Centro d’istruzione della sussistenza e della Società svizzera dei cuochi. Soltanto i candidati migliori che hanno concluso un tirocinio civile nel settore alimentare hanno la possibilità durante la SR di essere ulteriormente incentivati. Questo nuovo concetto di SR è destinato in egual misura alle giovani e ai giovani che soddisfano le condizioni richieste. La promozione specialistica inizia dopo l’istruzione di base generale (IBG) e ha luogo a Thun presso il Centro d’istruzione della sussistenza. I cuochi di truppa selezionati assolvono quindi diverse sequenze d’istruzione con specialisti cuochi interni all’esercito come pure con partner civili. Inoltre, in caso di necessità, tali cuochi di truppa selezionati verranno impiegati per l’istruzione e in appoggio durante gli impieghi a favore di terzi. In questo caso avranno così la possibilità di apprendere direttamente dalla pratica le fasi di lavoro per l’esecuzione di banchetti o l’organizzazione nella ristorazione collettiva.

Trampolino di lancio per la squadra nazionale o per il SACT

Dopo aver assolto la SR in qualità di cuochi di truppa selezionati, possono essere reclutati per la squadra nazionale juniori o per il team nazionale di cucina della Società svizzera dei cuochi come pure per lo Swiss Armed Forces Culinary Team (SACT). Grazie al contratto di prestazione tra la Società svizzera dei cuochi e l’Esercito svizzero, coloro che hanno assolto la SR potranno prestare i loro futuri impieghi nei rispettivi team come giorni di servizio. In questo modo l’esercito promuove lo sviluppo delle competizioni culinarie in Svizzera e intende motivare un numero maggiore di persone a optare per la funzione di cuoco di truppa.

I primi due cuochi ad aver aderito al progetto pilota della SR per cuochi di truppa selezionati possono ora approfittare dell’accordo concluso. Il soldato Dominik Roider (squadra nazionale di cucina) e Jan Schmid (squadra nazionale juniori di cucina) hanno recentemente sottoscritto l’accordo in presenza di rappresentanti della Società svizzera dei cuochi e del Centro d’istruzione della sussistenza e presenzieranno quali militari nei rispettivi team nazionali. «Siamo onorati e orgogliosi di essere i primi a poter trarre vantaggio da questa collaborazione unica nel suo genere», si rallegrano i due specialisti cuochi.

Intervista a Dominik Roider e Jan Schmid dopo la cerimonia della firma