print preview Ritornare alla pagina precedente Forze aeree

Dodici nuovi piloti militari di professione ottengono il brevetto

Dopo circa 800 ore di volo di istruzione, ad inizio giugno è finalmente arrivato il momento tanto atteso: al museo Clin d’Ailes di Payerne dodici aspiranti piloti della classe 14/16 hanno ricevuto il loro brevetto di pilota militare conseguito con grande dedizione e nel contempo sono stati promossi al grado di primotenente.

08.06.2021 | Forze aeree, uff spec Sandro Breu

Les Forces aériennes comptent douze nouveaux pilotes militaires de carrière. De gauche à droite : plt Nicolas Hess, plt Guillaume Del Rio, plt Remo Baumann, plt Samuel Blum, plt Niels Boniek, plt Andrin Frei, plt Samuel Steuerwald, plt Manuel Zürcher, plt Manuel Eicher, plt Etienne Loetscher, plt Patrick Linow, plt Alen Ponjevic. ©VBS/DDPS, Sandro Breu
Da sinistra a destra: I ten Nicolas Hess, I ten Guillaume Del Rio, I ten Remo Baumann, I ten Samuel Blum, I ten Niels Boniek, I ten Andrin Frei, I ten Samuel Steuerwald, I ten Manuel Zürcher, I ten Manuel Eicher, I ten Etienne Loetscher, I ten Patrick Linow, I ten Alen Ponjevic. ©VBS/DDPS, Sandro Breu

Il numero massimo consentito di 88 partecipanti era seduto in trepidante attesa davanti a 12 sedie vuote. I familiari e gli amici attendevano l’ingresso dei protagonisti dell'evento a Payerne: i sei piloti di elicotteri e i sei piloti di aerei da combattimento che stavano per ricevere il brevetto.

Sicurezza e riconoscimento

Dato che la situazione legata al COVID-19 continuava a essere problematica, la consegna dei brevetti è avvenuta in condizioni molto restrittive. Le mascherine, il distanziamento e il concetto di protezione erano tangibili e visibili. Tuttavia i responsabili hanno fatto tutto il possibile affinché i piloti freschi di brevetto ricevessero il riconoscimento che si meritano. Infatti l'atmosfera nella sala era caratterizzata dalla fierezza dei genitori, dei nonni, delle fidanzate e degli altri familiari.

Il colonnello SMG Markus Thöni, comandante della scuola per piloti, ha aperto la cerimonia circondato da numerosi cimeli delle Forze aeree, tra cui vecchi aerei da combattimento e velivoli da addestramento ormai in disuso, proponendo ai presenti un excursus storico in merito agli albori delle Forze aeree e alle prime cerimonie di consegna dei brevetti per piloti militari in Svizzera.

Il divisionario Bernhard Müller, il comandante uscente delle Forze aeree, ha espresso per l'ultima volta le sue congratulazioni a una classe di piloti e in seguito ha passato il testimone al suo successore, il colonnello SMG Peter Merz.

Alex Miescher, ex pilota militare e sportivo di punta, è stato l'oratore ospite. Ai giovani piloti ha dato consigli tratti dalle sue due lunghe carriere e ha raccontato varie esperienze raccolte lungo il suo percorso. Ha illustrato i problemi che dovevano affrontare in passato i piloti e ha raccontato quanto sia varia la loro vita. Miescher ha approfondito una questione in particolare, l'umiltà, lanciando un appello ai giovani uomini: «Nonostante l'istruzione eccellente, non potete sapere tutto e va bene così. Lavorare in un cockpit è e rimane un lavoro di squadra».

Patrouille Suisse: il momento culminante

Dopo la cerimonia, davanti al museo, ha avuto luogo un ulteriore momento saliente della giornata. In occasione del primo airshow da due anni a questa parte, tutte le formazioni di volo acrobatico delle Forze aeree, ossia la Patrouille Suisse, il Super Puma Display e il F/A-18 Display, si sono esibite l'una dopo l'altra in spettacolari acrobazie aeree. Dopo circa 60 minuti i piloti delle formazioni svizzere di volo acrobatico hanno dato il benvenuto tra i loro ranghi ai loro nuovi colleghi con un gran finale.