print preview Ritornare alla pagina precedente Forze aeree

La sicurezza dello spazio aereo non è facoltativa

La base aerea di Payerne ha inaugurato la sua torre di controllo a metà agosto. La nuova struttura rafforzerà le sinergie tra Skyguide e le Forze aeree svizzere. Le due organizzazioni lavorano in stretta collaborazione per garantire la sicurezza dello spazio aereo civile e militare svizzero.

21.08.2020 | Comunicazione Difesa, Anthony Favre

Titelbild_logo
Sulla base aerea di Payerne, 21 collaboratori di Skyguide appoggiano le Forze aeree. (VBS, DDPS, Anthony Favre)

La base aerea di Payerne dispone ora di una nuova torre di controllo e di un nuovo centro operativo. Si tratta di un passo importante per la sicurezza dello spazio aereo svizzero. Entrata in servizio a fine di luglio, questa infrastruttura riunisce sotto lo stesso tetto le Forze aeree svizzere e i loro partner di Skyguide. Il comandante delle Forze aeree Bernhard Müller e Boris Cuanoud, capo di Skyguide a Payerne, hanno colto l'occasione per sottolineare l'importanza della loro collaborazione quotidiana per uno spazio aereo sicuro. "Le Forze aeree svizzere sono il nostro partner più importante", ha ricordato Cuanoud.

Lo spazio aereo più frequentato d'Europa

Situato all'intersezione di due grandi rotte aeree, est-ovest e nord-sud, lo spazio aereo svizzero è il più denso e complesso d'Europa. In media, circa 3500 aerei sorvolano la Svizzera ogni giorno. Nel 2019 sono stati registrati non meno di 1,3 milioni di voli civili e militari. Se la Svizzera vuole garantire la sicurezza del suo spazio aereo e salvaguardare la sua sovranità, una sorveglianza efficace è indispensabile. Come ha spiegato Boris Cuanoud, la sicurezza dello spazio aereo non è facoltativa.

Dei partner indispensabili

Per svolgere la loro missione di protezione e salvaguardia dello spazio aereo in ogni momento, le Forze aeree svizzere possono contare sui colleghi di Skyguide, che garantiscono il controllo del traffico aereo civile e militare. Essi assistono le Forze aeree controllando i movimenti negli aerodromi militari, monitorando il traffico aereo o sostenendo le Forze aeree durante le esercitazioni o gli interventi, in particolare nell'ambito del servizio di polizia aerea PA24.

Insieme contribuiscono attivamente alla sovranità della Svizzera, anche in tempi di crisi. Infatti, se il traffico aereo civile è fermo, come è avvenuto di recente a causa della Covid-19, la sorveglianza militare deve essere garantita in ogni situazione. Le Forze aeree hanno potuto quindi naturalmente contare sull'appoggio di Skyguide durante la pandemia.

Collaborazione rafforzata

I collaboratori delle Forze aeree e di Skyguide, che prima lavoravano in sedi separate, sono ora centralizzati nel nuovo centro operativo. Il nuovo complesso faciliterà gli incontri e gli scambi diretti e rafforzerà la fiducia reciproca e lo spirito di squadra. Skyguide e le Forze aeree svizzere potranno così continuare a garantire la sicurezza dello spazio aereo svizzero nelle migliori condizioni possibili. E questo nell'interesse della popolazione, perché la sicurezza aerea è un compito costituzionale dello Stato svizzero.

Skyguide: il partner più importante delle Forze aeree

Dalla piena integrazione dei servizi di navigazione aerea civili e militari nel 2001, Skyguide è il partner più importante delle Forze aeree. Skyguide, società anonima di diritto privato con sede a Ginevra, è presente anche nelle seguenti sedi: Alpnach, Berna-Belp, Buochs, Dübendorf, Emmen, Grenchen, Locarno, Lugano-Agno, Meiringen, Payerne, Sion, San Gallo-Altenrhein e Zurigo-Kloten.

Foto