print preview

Battaglione di fanteria di montagna 91

Zeichenfläche 1

Sintesi

Il battaglione di fanteria di montagna 91 (bat fant mont 91) fa parte della divisione territoriale 3 (div ter 3) dell'Esercito svizzero.

Il nostro operato si rifà al motto: "Insieme nella responsabilità, insieme nel successo!".

Sin dalla sua fondazione, il bat fant mont 91 è tradizionalmente affiliato al suo cantone padrino, i Grigioni. Questo legame si intensificò durante il servizio attivo e di protezione delle frontiere durante la Prima e la Seconda guerra mondiale, dato che il bat fant mont 91 era allora stazionato nei Grigioni.

Le missioni del bat fant mont 91 sono varie e versatili. Al centro vi sono la classica difesa territoriale e gli impieghi di sicurezza sussidiari per la prevenzione e la mitigazione di catastrofi.

Sono di rilievo anche le varie missioni di sostegno, che il bat fant mont 91 intraprende a favore delle autorità civili e della popolazione della Confederazione Svizzera.

Il bat fant mont 91 è una formazione principalmente germanofona. Tuttavia, dagli anni ‘80 fino alla riforma Esercito XXI nel 2003, alcune compagnie hanno comandato in romancio. Si tratta di un fatto unico nella storia dell’Esercito svizzero.

Storia

Il bat fant 91 venne fondato, assieme ad altri battaglioni, con l’organizzazione militare della Confederazione Svizzera del 13 dicembre 1874. Il 1874 si può quindi definire come l’anno di nascita sia dell’odierno bat fant mont 91, sia del moderno Esercito svizzero.

Ragione di ciò fu il passaggio totale della sovranità militare dai Cantoni alla Confederazione. Questa concerneva anche l’attuazione militare, ossia l’organizzazione di scuole, corsi e istruzione.

Con la “Verordnung betreffend die Territorialeinteilung und die Nummerierung der Truppeneinheiten, sowie der zusammengesetzten Truppenkörper” del 13 dicembre 1874, il bat fant 91 ricevette la sua numerazione.

Il bat fant 91 apparteneva alla XVI Brigata della VII Divisione e i reclutamenti avvenivano nei distretti di Coira, Churwalden, Rhäzüns, Thusis, Saifen, Domleschg, Schams, Avers, Rheinwald, Misox, Roveredo e Calanca (Distretto di reclutamento 7 nella VII Divisione).

Già prima dell’organizzazione militare del 1874, il Canton Grigioni, come tutti gli altri Cantoni, doveva mettere a disposizione dei contingenti di truppe per l’Esercito federale. Ciò è testimoniato dalle organizzazioni militari del Canton Grigioni del 30 dicembre 1851, del 1860 e del 1867.

Le truppe così disposte comprendevano, fra gli altri, tre battaglioni di fanteria ai quali non era attribuito alcun numero utilizzato ad oggi. È tuttavia possibile, tramite i distretti di reclutamento, risalire a quali battaglioni di allora, all’incirca, costituivano il nucleo del bat fant 91 del 1874.

Una volta osservati e confrontati tali distretti di reclutamento, si giunge alla conclusione che, nel 1874, i componenti del bat fant 91 provenivano da tutti i battaglioni grigionesi di allora.

Questo significa che tutti i battaglioni di fanteria grigionesi antecedenti il 1875 erano antenati dell’attuale battaglione di fanteria di montagna 91.

Nonostante già nel XVIII secolo venne deciso di fortificare il massiccio alpino nei settori di Gottardo, Sargans e Saint-Maurice con gli antemurali in Ticino, sul Sempione e sul St. Lusisteig, solo con l’ordinamento delle truppe del 1911 nacquero unità appositamente organizzate, addestrate ed equipaggiate per le operazioni in montagna.

Nell’ambito dell’ordinamento delle truppe del 1911 vennero create quattro brigate di fanteria di montagna. Ognuna di queste brigate comprendeva tre reggimenti di fanteria, i quali avevano a disposizione le proprie armi di supporto.

Il battaglione di fanteria 91 fondato nel 1874 divenne, durante questa trasformazione, il battaglione di fanteria di montagna 91, e in quanto tale, venne modificato. Di conseguenza, il 1911 segna il secondo anno di nascita del bat fant mont 91. Nel 1911 il battaglione era assegnato alla brigata di fanteria di montagna 18 nel reggimento di fanteria di montagna 36.

Durante la Prima guerra mondiale (1914-1918) sangallesi, glaronesi e grigionesi prestarono servizio di protezione delle frontiere presso il Giogo di Santa Maria, in Engadina e a Münstertal, difendendo così la sovranità del relativamente giovane Stato federale della Confederazione Svizzera.

Fra queste unità si trovava anche il battaglione di fanteria di montagna 91 assieme ai battaglioni di fanteria di montagna 92 e 93, anch’essi grigionesi. Allora, Il bat fant mont 91 faceva ancora parte della brigata di fanteria di montagna 18, la quale era stata fondata con l’ordinamento delle truppe del 1911. Nel 1938, la brigata di fanteria di montagna 18 venne ribattezzata come brigata di montagna 12.

A causa del progressivo deterioramento della situazione politica, con l’organizzazione dell’esercito del 1938 gli effettivi delle truppe di montagna vennero aumentati. Vennero fondate tre divisioni di montagna e tre brigate di montagna.

Questa nuova organizzazione dell’esercito permise una moderna difesa dello spazio alpino durante tutto il periodo di servizio attivo della Seconda guerra mondiale (1939-1945).

Dall’estate del 1940 fino all’inverno del 1944, le Alpi vennero fortemente militarizzate e le truppe sistematicamente preparate alla guerra di montagna. Questa strategia contribuì fortemente a scoraggiare potenziali aggressori.

Il battaglione di fanteria di montagna 91, facente parte della brigata di montagna 12, diede buona prova di sé nei periodi di maggiore necessità e sfidò i pericoli che minacciavano la Svizzera.

Venne nuovamente ribattezzato, ancor prima della Seconda guerra mondiale, come battaglione di fucileria di montagna 91 (bat fuc mont 91). All’inizio della Seconda guerra mondiale, i soldati disponevano di una doppia classificazione, ossia anche come bat front 236, ed erano impiegati principalmente nel territorio dei passi di Splügen e del San Bernardino, fino a Thusis. Il bat fuc mont 91 fungeva quindi da difesa esterna alla fortezza d’artiglieria di Crestawald.

Nel 1940, quando la divisione corazzata tedesca si avvicinò minacciosamente alla frontiera occidentale svizzera, il reggimento venne trasferito nel Vaud come “Gruppo di battaglia Jorat”, per poi tornare di nuovo in missione nei Grigioni dal 1944 in poi.

Grazie alle esperienze acquisite dai servizi attivi, con l’ordinamento delle truppe del 1961 venne creato il corpo dell’esercito di montagna 3 (corp es mont 3) e la brigata di montagna 12 venne elevata a divisone di montagna 12.

La caratteristica principale di questo nuovo ordinamento delle truppe era che tutte le unità designate per le missioni in montagna fossero riunite sotto un unico commando.

Il battaglione di fanteria di montagna 91, ribattezzato con il suo nome precedente, faceva parte della divisione di montagna 12, creata con l’Esercito 61 nel 1962, la quale sostituì la brigata di montagna 12. All’interno della divisione di montagna 12, il bat fant mont 91 era sottoposto al reggimento di fanteria di montagna 36.

Con l’Esercito 95, dopo la fine della guerra fredda, gli effettivi vennero ridimensionati e i compiti dell’esercito ridefiniti. Il corp es mont 3 dovette rinunciare a circa un terzo dei suoi effettivi, principalmente a causa dello scioglimento delle sei brigate di frontiera di ridotto.

Il bat fant mont 91, tuttavia, persistette. Nel 1999, l’intero reggimento di fanteria di montagna 36 venne impiegato nel servizio di sorveglianza delle ambasciate a Berna.

Dopo lo scioglimento della divisione di montagna 12, alla fine del 2003, il bat fant mont 91 venne inizialmente impiegato come aderenza di riserva per il suo successore, la brigata di fanteria di montagna 12, per poi venire provvisoriamente disattivato dal 2010.

Infine, il bat fant mont 91 era conformemente assegnato anche alla regione territoriale 3 (reg ter 3).

L'ulteriore sviluppo dell'esercito (USE)

Con l'ulteriore sviluppo dell'esercito (USE), entrato in vigore il 1° gennaio 2018, il bat fant mont 91 è stato riattivato. Esso è ad oggi costituito principalmente dai componenti del germanofono bat fant mont 77, che è stato frattanto disattivato. L'USE ha altresì comportato alcune modifiche ulteriori:

La regione territoriale 3 (reg ter 3) è stata trasformata in div ter 3. Da allora, la div ter 3 è composta dall’ufficio di coordinazione 3, dal battaglione di stato maggiore territoriale 3, dai quattro battaglioni di fanteria di montagna 29, 30, 48 e 91, dal battaglione del genio 9 e dal battaglione di salvataggio 3.

Il saldo principio di leva e milizia obbligatoria rimane intatto. Gli effettivi dell’esercito ammontano a 100'000 militari (mil) ed il budget annuale ammonta a cinque miliardi di franchi.

 

1. Maggiore reattività

  • Il nuovo sistema di reattività differenziata permette, anche in caso di eventi inaspettati, di convocare immediatamente truppe completamente equipaggiate e di impiegarle rapidamente.
  • Designazione di nuove formazioni di milizia ad elevata reattività come complemento e supporto alle truppe già impiegate.
  • Reintroduzione di un sistema di mobilitazione per l’intero esercito.
 

2. Addestramento dei quadri più effettivo

  • Concentrazione su un addestramento dei quadri più efficace. I futuri quadri tornano ad assolvere una scuola reclute completa (durata di 18 settimane).
  • La scuola reclute completa e il merito totale dell’ultimo grado di servizio pratico mirano a garantire un’esperienza di comando tempestiva e rilevante.
  • Prolungamento di una settimana dei corsi preparatori dei quadri, al fine di rafforzare le competenze di comando e di garantire un miglioramento globale dell’istruzione dei quadri.
 

3. Equipaggiamento completo

  • Il ridimensionamento dell’esercito e una nuova assegnazione del materiale consentono un equipaggiamento completo, ciò vale in particolare per le prestazioni di supporto alle autorità civili e per le prestazioni di base.
  • Le formazioni di milizia a elevata reattività vengono rapidamente equipaggiate con materiale riservato presso i centri logistici dell’esercito o nelle loro sedi esterne.

 

4. Integrazione regionale

  • Le autorità civili vengono appoggiate rapidamente e flessibilmente dalle divisioni territoriali. Queste prestano aiuto in caso di catastrofi, svolgono impieghi di sicurezza, di supporto o di protezione e salvaguardia in caso di attacco militare (anello di collegamento con i Cantoni).
  • Rafforzamento delle divisioni territoriali tramite corpi di truppe subordinati organicamente (un battaglione di stato maggiore, quattro battaglioni di fanteria, un battaglione del genio e un battaglione di salvataggio) e mediante la possibilità di altre assegnazioni.

Cdt bat

Stimati militari del battaglione di fanteria di montagna 91,

Egregi visitatori e interessati,

 

È per me un piacere potervi salutare sul sito ufficiale del battaglione di fanteria di montagna 91. Fedele al motto “insieme nella responsabilità, insieme nel successo”, il bat fant mont 91, che vanta una ricca tradizione ed è stato riattivato in occasione dell’ulteriore sviluppo dell’esercito, apporta il suo contributo alla salvaguardia della stabilità, della sicurezza e della prosperità della Svizzera e della sua popolazione.

Ai fini dell’adempimento degli incarichi sono indispensabili valori come l’ordine, la disciplina e la consapevolezza del proprio dovere. Soldati pronti al servizio e impegnati cadetti, che pospongono i loro bisogni personali a favore della comunità, e che agiscono quindi disciplinatamente e coscienti di ordini e doveri, sono per questo motivo essenziali per il successo del battaglione.

Mi riempie ancor più d’orgoglio poter dire che questi valori, nel bat fant mont 91, vengono vissuti. Sapendo che ogni catena è forte solo quanto il suo anello più debole, e che questo cambia con ogni incarico, noi teniamo conto l’uno dell’altro e agiamo sempre fraternamente.

Per questo atteggiamento e per l’incarico da essi svolto a favore del nostro battaglione e della Confederazione Svizzera, ringrazio personalmente tutti i militari del battaglione di fanteria di montagna 91.

In trepida attesa del prossimo servizio con Lei,

 

Magg SMG Michael Lampert

Cdt bat fant mont 91

Foto

geb_inf_bat_91

Il comandante

Bat fant mont 91 Cdo Div Ter 3
Neuland 8
CH-6460 Altdorf
Tel.
+41 58 481 43 43
Fax
+41 58 481 43 45

Bat fant mont 91

Cdo Div Ter 3
Neuland 8
CH-6460 Altdorf