print preview Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni

Dalla candidatura all'impiego all'estero

Presso il Centro di competenza SWISSINT un team di 10 persone fa in modo che nelle missioni di promovimento della pace che l'Esercito svizzero svolge all'estero possa sempre essere inviato al momento opportuno il personale adeguato nella funzione richiesta. In qualità di sostituto capo Personale Larissa Furrer è anche responsabile del reclutamento delle persone che si candidano spontaneamente. Nell'intervista spiega quali sono le sue sfide e offre alcuni consigli per gli interessati che intendono candidarsi.

27.02.2021 | Comunicazione SWISSINT

Bewerbung_SWISSINT
In qualità di sostituto capo Personale Larissa Furrer è anche responsabile del reclutamento delle persone che si candidano spontaneamente.

Larissa, nel team del personale di SWISSINT siete responsabili della pianificazione e del reclutamento di personale per 15 differenti missioni di promovimento della pace. Quali sono i vostri compiti?

Presso SWISSINT il nostro team del personale rappresenta per così dire il settore HR dell'intero promovimento militare della pace. Riceviamo le candidature, svolgiamo i colloqui di reclutamento, organizziamo i documenti di viaggio necessari, stendiamo i contratti e siamo competenti per il pagamento dello stipendio. Inoltre allestiamo i contratti d'istruzione e d'impiego per il nostro personale. Poiché le assunzioni dei peacekeeper hanno una durata limitata nel tempo e dato il frequente ricambio di personale che ne consegue, annualmente ci troviamo a redigere circa 900 contratti di questo genere.

Quali sono le sfide del vostro lavoro?

Per quanto riguarda il reclutamento incontriamo essenzialmente due tipi di sfide. Gli impieghi nell'ambito del promovimento militare della pace si fondano su base volontaria, al contrario degli impieghi della milizia. Una delle sfide sta proprio nel trovare per una determinata funzione la persona giusta che si candidi a titolo volontario: nel promovimento militare della pace esistono innumerevoli funzioni differenti che mutano in maniera dinamica e richiedono di volta in volta requisiti differenti; ad esempio spesso si tratta di esperienze lavorative civili, di una determinata categoria di licenza di condurre o del conseguimento di un grado di ufficiale, necessario per un impiego quale ufficiale di stato maggiore o quale osservatore militare ONU.

E la seconda?

Per poter affrontare con successo la sfida precedente, il nostro team necessita di svariate informazioni da parte dei candidati. Nel nostro caso tali informazioni vanno ben oltre il classico invio del curriculum vitae e di una lettera di motivazione come è consueto per una candidatura nel mondo dell’economia privata. Per questa ragione sulla pagina Internet di SWISSINT si può trovare una descrizione del processo di reclutamento e nel formulario di candidatura è inserita una lista di controllo con i documenti che devono essere imperativamente inoltrati, come per esempio il questionario personale, l'estratto del casellario giudiziale, i certificati o le conferme di lavoro nonché le qualificazioni militari per gli ufficiali. Purtroppo spesso la documentazione di candidatura viene inviata in maniera incompleta. Tuttavia per noi tali documenti costituiscono una base fondamentale, senza la quale non siamo in grado di esaminare la candidatura di un candidato o di una candidata direttamente con gli specialisti e di organizzare quindi le giornate di reclutamento. Questo può determinare la non realizzazione di un impiego a cui una persona era interessata poiché prima occorre prendere contatto con la persona stessa, che a sua volta deve mettere insieme i documenti necessari, cosa che a seconda dei casi può richiedere anche parecchio tempo.

Che cosa bisogna tenere in considerazione in caso di candidatura per un impiego nel servizio di promovimento della pace?

Coloro che si interessano a un impiego nella SWISSCOY o nell'EUFOR trovano qui sulla nostra pagina Internet sotto «KFOR SWISSCOY(Kosovo)» oppure «EUFOR LOT (Bosnia ed Erzegovina)» i formulari di candidatura che possono scaricare e compilare. Per coloro che sono interessati a un impiego a favore dell'ONU, nel quadro dello sminamento umanitario o dello sviluppo delle capacità, sul medesimo sito Internet sono disponibili i relativi documenti per le rispettive categorie. In tutti questi formulari di candidatura, la candidata o il candidato trova una lista di controllo che semplifica la trasmissione dei documenti.

Quali documenti occorre esplicitamente fornire?

I documenti attualmente indispensabili per esaminare la candidatura sono:

  • il formulario di candidatura compilato;

  • il questionario personale SWISSINT compilato in forma elettronica;

  • una lettera di motivazione;

  • il curriculum vitae;

  • la copia del libretto di servizio (tutte le pagine, anche quelle vuote);

  • la copia dei certificati e delle conferme di lavoro;

  • la copia dell'attestato di capacità degli studi o del tirocinio;

  • la copia dei diplomi;

  • gli estratti del casellario giudiziale e del registro delle esecuzioni che risalgono a non più di tre mesi prima;

  • le qualificazioni militari di sottufficiali superiori e ufficiali;

  • la copia fronte/retro della licenza di condurre;

  • una fotografia a colori.

Che cosa succede in seguito, quando una candidata o un candidato ha inoltrato la candidatura completa?

Esaminiamo ogni singola candidatura nel dettaglio. In caso di domande prendiamo naturalmente contatto con la candidata o con il candidato. Non appena i requisiti sono soddisfatti, pianifichiamo una prima giornata di reclutamento presso uno dei centri di reclutamento dell'esercito, dove ha luogo ad esempio una visita medica, un colloquio con i quadri (a seconda della funzione) oppure un esame d'idoneità al computer per i conducenti. Se i risultati sono positivi, invitiamo i candidati qui da noi a Stans-Oberdorf dove si tiene il colloquio di presentazione della durata di un giorno per gli impieghi a favore della SWISSCOY e dell'EUFOR oppure nell'ambito dello sminamento umanitario. Con loro svolgiamo ad esempio un colloquio personale o una conversazione sul servizio specialistico. Per i candidati a tutti gli altri impieghi è previsto un assessment di due giorni a Stans-Oberdorf.

Quali consigli daresti alle persone che desiderano impegnarsi a favore del promovimento militare della pace?

In ogni caso è fondamentale confrontarsi con le proprie competenze. Consiglio agli interessati di consultare le descrizioni dei posti e di candidarsi per le funzioni che corrispondono alle loro competenze. Le descrizioni si possono trovare qui sul nostro sito Internet cliccando su «Mercato del lavoro». Talvolta, mentre esaminiamo un dossier di candidatura, emergono altre proposte. Comunichiamo queste possibili funzioni di volta in volta alle persone in questione affinché possano iniziare a farsi qualche idea. Se la questione della funzione desiderata è risolta, allora si può passare a compilare il questionario di candidatura e a raccogliere i documenti necessari. Qualora i candidati dovessero avere delle domande, siamo naturalmente a loro disposizione tramite posta elettronica all'indirizzo rekr.swissint@vtg.admin.ch oppure per telefono al numero 058 467 58 58 (selezionando 1). Consiglio inoltre a coloro che si candidano di dedicare tempo a sufficienza per presentare la documentazione. Quanto prima la candidatura ci perviene in maniera completa, tanto prima saremo in grado di dare avvio al processo di selezione.