print preview Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni

Dopo la pioggia arriva l'esercito

Le intemperie che si sono abbattute all'inizio di luglio hanno lasciato tracce nel Comune di Anniviers (VS). Su richiesta delle autorità cantonali l'esercito ha impiegato un distaccamento del battaglione del genio 2. La sua missione: ristabilire l'accesso al fondovalle. Un aiuto prezioso sia per le autorità cantonali sia per la popolazione locale.

01.11.2018 | Comunicazione Difesa

DSC_5901

 

All'inizio di luglio violenti temporali hanno provocato una forte piena del fiume Navizence nella Val d'Anniviers. Nel piccolo villaggio di Mission il corso d'acqua è uscito dal suo letto trasformando la valle un tempo verdeggiante in un immenso campo di pietre e macerie. La strada che attraversa il fondovalle e che consente di raggiungere il villaggio di St-Jean è stata distrutta, mentre il campo da calcio dell'FC Anniviers è letteralmente scomparso.

Di fronte alle dimensioni dei lavori di riparazione, il Comune di Anniviers ha chiesto l'aiuto del Canton Vallese. A sua volta questo si è rivolto all'Esercito svizzero che ha quindi impiegato 12 militari del battaglione del genio 2 impegnati nel loro corso di ripetizione per un totale di 200 giorni/uomo a favore del Comune. Si tratta di un impiego d'appoggio a favore di attività civili mediante mezzi militari (OAAM) in seguito a una catastrofe naturale.

Per tre settimane i militari del battaglione del genio 2 hanno avuto parecchio lavoro da sbrigare. «Bisogna ristabilire una strada provvisoria per permettere di nuovo l'accesso ai veicoli turistici. Inoltre occorre fare in modo che quest'inverno lo spazzaneve possa sgomberare la neve», spiega il capo distaccamento, sergente Clément Favre. Inoltre si sono resi necessari dei lavori ai due ponti che attraversano il fiume: il primo è stato messo in sicurezza con delle barriere, mentre il secondo è stato ricostruito da nuovo. «Parallelamente bisogna ripulire il letto del fiume e rimuovere le macerie», aggiunge il sergente Favre.

«Grazie al lavoro svolto dall'esercito possiamo riaprire il tratto stradale. Il Comune non disponeva infatti né dei mezzi finanziari né dei mezzi tecnici necessari», si rallegra riconoscente il sindaco del Comune di Anniviers, David Melly. Tuttavia resta ancora molto da fare. «La situazione non sarà completamente ristabilita prima di tre o addirittura quattro anni», conclude il sindaco.