print preview

Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni


L’«SE079»: la porta verso il mondo (ma anche verso l’abisso) e il modo in cui è gestita dai soldati

In servizio militare sono chiamati scherzosamente «SE 079», per analogia ai sistemi radio militari in cui questa abbreviazione sta per trasmettere «Senden» e ricevere «Empfangen».

19.05.2022 | CUMINAIVEL | lw


Ma i telefoni cellulari moderni non si limitano a trasmettere e ricevere messaggi vocali, sono molto più smart. Tuttavia, dal punto di vista militare questi smartphone comportano anche dei rischi. È possibile captare o sfalsare informazioni sensibili e i detentori degli apparecchi possono essere localizzati, con il rischio di vanificare sistemi di protezione. In questa sede vogliamo dunque rammentare le regole basilari per un utilizzo militarmente responsabile degli smart device (sia in privato che in servizio):

  • Utilizzate gli apparecchi di servizio esclusivamente per scopi di servizio.
  • Limitatevi a utilizzare i vostri smartphone privati soltanto quando non siete in servizio. Fanno eccezione i casi d’emergenza per lanciare l’allarme se tutti gli altri mezzi di trasmissione sono fuori uso.
  • Evitate di allacciare apparecchi privati agli apparecchi di servizio per prevenire il deflusso di informazioni e la propagazione di malware.
  • Quando vi recate in un impianto classificato, spegnete completamente il vostro smart device oppure disattivate generalmente i servizi di localizzazione nell’intero dispositivo di sicurezza, sia sul telefono di servizio sia su quello privato.
  • Gli smart device sono potenziali cimici. Prima di una conversazione confidenziale o segreta è opportuno depositare questi apparecchi sotto chiave.
  • Assumete un atteggiamento critico di fronte alle informazioni che ricevete da canali non verificati. In caso di dubbio consultate il vostro superiore.
  • Attenetevi alle disposizioni specifiche legate ai compiti impartite dai vostri superiori per quanto riguarda l’utilizzo degli smart device.

Da gennaio 2022 è autorizzato l’utilizzo del servizio di messaggeria «Threema» per le comunicazioni di servizio. Il prezzo d’acquisto di questa app viene rimborsato dall’esercito – rivolgetevi al vostro comandante. Utilizzate questa app per le comunicazioni di servizio e tenete presente quanto segue:

  • Come minimo è nota l’ID Threema dell’interlocutore (in caso di contatto visualizzata con un puntino rosso). In aggiunta all’ID Threema anche il numero di chiamata dell’interlocutore è disponibile nell’elenco dei propri contatti. In tal caso sul display della persona di contatti vengono visualizzati due puntini arancioni e due blu.
  • Per contenuti al livello di protezione 2 (CONFIDENZIALE) le persone che partecipano alla conversazione devono autenticarsi reciprocamente, devono cioè confermare gli ID Threema scansionando reciprocamente l’ID; quando ciò è avvenuto sullo schermo del contatto vengono visualizzati tre puntini verdi
  • Le informazioni al livello di protezione 3 (SEGRETO) possono essere scambiate esclusivamente tramite sistemi militari con protezione speciale.

Anche i soldati si mantengono in contatto con il mondo esterno tramite i social media. Osservate il manuale sui social media dell’esercito, in particolare i seguenti punti.

  • Siate consapevoli che i vostri messaggi in uniforme, sia come stipendiati sia come persone che percepiscono il soldo, vengono sempre interpretate come dichiarazioni dell’esercito.
  • Vige il principio TOZZA, secondo cui è vietato divulgare informazioni sulla truppa, sui luoghi, le cifre e gli orari nonché sull’intenzione.
  • Durante i periodi di servizio condividete apertamente i momenti positivi entro i limiti del consentito ed esprimete le esperienze negative e le divergenze a quattr’occhi con il vostro superiore.
  • I destinatari delle informazioni devono essere selezionati con cognizione di causa e i relativi atteggiamenti dei canali dei social media vanno verificati regolarmente. Anche in caso di «richieste d’amicizia» sui canali limitatevi ad ammettere nella vostra comunità soltanto gente che conoscete personalmente.
  • In caso di atteggiamenti offensivi nei commenti dei vostri post o minacce sui social media procedete come indicato sulla pocketcard relativa ai social media: assicurare le prove, informare i superiori.


Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni