print preview

Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni


Prospettive WEF 2022

Il World Economic Forum (WEF) è di nuovo a Davos dopo una pausa forzata di quasi due anni e mezzo. Con esso è tornato in impiego anche l'Esercito svizzero a sostegno della Polizia cantonale grigionese. Ecco una prima panoramica dell’evento.

15.05.2022 | CUMINAIVEL | rb/ab


La neve ha lasciato spazio ai campi verdi, il sole caldo ha spazzato via il freddo pungente, le magliette hanno sostituito le giacche pesanti: una cosa è certa, il WEF 2022 si svolgerà quest'anno in condizioni insolite. La causa di fondo? Evidentemente il coronavirus: il WEF infatti è stato cancellato lo scorso anno e posticipato a maggio nel 2022. Ciò implica che, per la prima volta nella sua storia, la Conferenza nei Grigioni non si svolgerà in inverno.

Al World Economic Forum di Davos sono attesi dal 22 al 26 maggio più di 2’500 partecipanti. Ad oggi l’elenco ufficiale degli invitati non è ancora stato reso noto. Tra gli ospiti è prevista però la presenza della Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Un evento mediatico quello di Davos che verrà raccontato da circa 400 rappresentanti della sala stampa provenienti sia dalla Svizzera, sia dall’estero.

L’esercito prevede di schierare un massimo di 5’000 militi e la missione è quella di proteggere oggetti, persone e spazio aereo. Inoltre l'esercito supporta anche le autorità civili, ad esempio in ambito logistico.

CUMINAIVEL riferisce sull'impiego dell'esercito durante il WEF e pubblica quotidianamente articoli, video e immagini sulla sua app. Il 19 maggio poi verrà pubblicata la prima delle tre edizioni cartacee.


Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni