print preview Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni

Forze terrestri | Le nuove Forze terrestri - più che "solo" una divisione

Spinto dal cambiamento sociale nella politica, nell'economia e nella società, l'esercito deve svilupparsi e adattarsi costantemente alle nuove circostanze. L'"Ulteriore sviluppo delle forze armate" (USEs) è una di queste fasi di sviluppo e ha portato con sé, tra l'altro, la riorganizzazione delle Forze terrestri nel 2018. Nelle ultime settimane, il Comandante delle Forze terrestri ha fornito personalmente alle parti interessate una panoramica delle nuove Forze terrestri e delle sfide che esse devono affrontare in occasione di vari eventi.

17.04.2019 | Com FT - Cap Yves Nussbaum

Dall'inizio dell'anno, il divisionario René Wellinger è stato ospite in molti luoghi, poiché molte organizzazioni vogliono sapere direttamente dal comandante come saranno le nuove Forze terrestri dopo l'implementazione dell’USEs. Tra le altre cose, è stato anche ospite dell'Assemblea generale della Società degli Ufficiali di Biel-Seeland, dove circa 120 membri e ospiti hanno ascoltato le sue osservazioni su "L'esercito e la sfera operativa terrestre" nella sala comunale di Evilard.

2019-04-03-grafik
Rappresentazione schematica di una minaccia ibrida (Grafica dalla presentazione)

Nell'analisi introduttiva della situazione attuale, il divisionario Wellinger ha sottolineato che oggi non possiamo più occuparci principalmente degli attacchi convenzionali di un avversario statale. La minaccia più grande oggi è una minaccia ibrida. Scenari in cui attori statali e non statali lavorano insieme per raggiungere un obiettivo strategico - in parte apertamente, in parte segretamente. E l'aggressione militare è solo uno dei tanti mezzi che possono essere utilizzati. Tali strategie sono già oggi utilizzate con successo in alcuni luoghi ed è anche chiaro da dove provengano: nei paesi in cui la maggior parte della popolazione vive in aree urbane, come in questo caso, una guerra classica necessita enormi quantità di persone e materiali e comporta anche costi di ricostruzione esorbitanti. È molto più efficiente e conveniente destabilizzare un'area prima di occuparla definitivamente. Attacchi informatici, campagne di disinformazione e terrore sono solo alcune delle possibilità che un aggressore può sfruttare con i suoi alleati. Per questo motivo il comandante Forze terrestri ritiene che il compito centrale della Rete integrata Svizzera per la sicurezza sia quello di affrontare la possibilità di una tale minaccia, in modo che in caso di emergenza siamo in grado di gestirla e prevenirla.

 

In questo senso, anche l'esercito deve contribuire alla sicurezza in Svizzera. Così il divisionario Wellinger ha portato alla presentazione delle odierne Forze terrestri, della sua organizzazione con le tre brigate meccanizzate e dei suoi compiti secondo i nuovi regolamenti tattici. Egli formula il posizionamento delle Forze terrestri in termini semplici e chiari: "Con le Forze terrestri, voglio avere le competenze per difendermi da un attacco armato e sviluppare costantemente la sfera operativa del terreno". Ecco perché le Forze terrestri non sono "solo" una divisione.

 

In qualità di comandante delle Forze terrestri, può essere schierato in caso di attacco o in altre situazioni eccezionali, per conto del capo delle operazioni, come comandante del impiego terrestre (EVB) - e quindi come responsabile di tutte le operazioni a terra - o come comandante della divisione meccanizzata. A seconda della situazione, ciò comprende molto più delle tre brigate direttamente subordinate e richiede una stretta collaborazione tra tutte le parti coinvolte. "I tempi in cui ogni categoria di armi addestrata e fine a sé stessa sono finiti. Dobbiamo allenarci in gruppo. Altrimenti non saremo in grado di portare a termine i nostri compiti.

 

2019-04-03-heer_bild_beitrag
Il divisionario Wellinger ribadisce nella sala comunale d’Evilard la necessità che tutte le armi si allenino insieme per tutti i compiti. (foto: cap Yves Nussbaum)

Ma non solo la cooperazione all'interno dell'esercito, ma anche con le organizzazioni di pronto intervento e i partner chiave civili devono funzionare in caso di emergenza e quindi essere addestrati. Da un lato, questo è di importanza centrale per la possibile difesa contro una minaccia ibrida come il mondo lo conosce oggi. D'altro canto, è essenziale anche in altre situazioni d’emergenza che l'esercito sia in grado di svolgere appieno le proprie missioni. Con un effettivo odierno di 100.000 soldati, non sarebbe più possibile coprire l’intero territorio nazionale in caso di emergenza. Se l'esercito deve proteggere, aiutare e combattere allo stesso tempo, questo obiettivo può essere raggiunto solo con la collaudata collaborazione di tutti i partner e con attrezzature moderne che, tra l'altro, devono garantire la massima mobilità. Queste ed altre sfide, come le tecnologie in sempre più rapida evoluzione, devono essere affrontate dai responsabili degli armamenti dell'esercito e quindi anche da lui come Comandante delle Forze terrestri. E una cosa è chiara: "Se l'esercito è completamente dispiegato, non ci sarà più un piano B. Il nostro esercito è il piano B. E quindi c'è una sola cosa: vincere!