print preview

Battaglione d'ospedale 66

Tradizione – Ordine – Qualità

“Tradizione - Ordine – Qualità” è il motto del battaglione d’ospedale 66 (bat osp 66). "Coltivare le buone tradizioni" significa promuovere lo spirito di corpo del battaglione. “L’ordine" ci aiuta a compiere la nostra missione e la “Qualità" si riferisce al contributo tecnico e umano di ogni militare. Questo motto deve essere vissuto attivamente affinché il battaglione abbia successo nel compimento delle missioni ad esso attribuite.

Un battaglione d'ospedale è composto da uno stato maggiore (SM), una compagnia di stato maggiore d'ospedale (cp SM osp) e due compagnie d'ospedale (cp osp). Il bat osp può essere impiegato in favore della sanità di base come pure a sostegno del sistema sanitario civile. Il bat osp 66 è una formazione di milizia in prontezza elevata (fmpe) capace di gestire installazioni ospedaliere militari e/o di rafforzare strutture ospedaliere del servizio sanitario civile. A seconda del compito può essere impiegato in modo autonomo, attribuito o subordinato ad un'altra formazione.

Il battaglione d'ospedale 66

 

Il bat osp 66 può fornire le prestazioni seguenti:

  • appoggiare e rinforzare uno o più ospedali in modo modulare con personale e/o materiale;
  • in un ospedale con statuto speciale SSC (servizio sanitario coordinato) assumere le cure di base (Low Level Care) come pure l'ampliamento dell'infrastruttura fino ad un massimo di 200 pazienti (max 100 pazienti per ospedale SSC);
  • garantire l'esercizio di un ospedale militare ed assicurare le cure di base per un massimo di 100 pazienti (Low Level Care);
  • allestire e garantire l'esercizio di uno stazionamento improvvisato (centro di cura, accoglienza, vaccinazione);
  • effettuare trasporti secondari qualificati in ambulanza;
  • gestire un modulo mobile di sterilizzazione e disinfezione.

Stato maggiore

Compiti:

  • Nel quadro della pianificazione dell'azione, lo stato maggiore è responsabile per l'allestimento dei concetti d'appoggio, della pianificazione previsionale, il piano d'impiego e quello d'azione nonché l'ordine d'impiego.
  • Nel quadro del monitoraggio della situazione, lo stato maggiora ha il compito presentare e mantenere aggiornata l'immagine della situazione, di rilevare eventuali differenze e determinare il bisogno di agire e di ordine le conseguenti misure di pilotaggio.
  • Assicurare l'istruzione del battaglione.

Gerarchia:

  • Lo stato maggiore è costituito da cinque ambiti fondamentali di condotta (AFC 1, 2, 3/5, 4 e 6) ed è condotto dal capo di stato maggiore (C SM). Il C SM è al contempo il sostituto del comandante di battaglione e elabora, insieme allo stato maggiore, prodotti i quali costituiscono la base per la condotta del battaglione.
  • L'S1 (aiut) è responsabile per l'ambito del personale nonché degli affari amministrativi del battaglione. L'ufficiale stampa ed informazione si trova ugualmente nell'AFC 1.
  • L'S2 (uff info) è responsabile per il monitoraggio permanente della situazione. Insieme al sottufficiale del servizio informazioni a lui subordinato (suff S info) analizza quest'ultima e trasmette allo stato maggiore ed al comandante le informazioni importanti e rilevanti concernenti la situazione attuale nonché della sua possibile evoluzione.
  • L'S3/5 (capo impiego, C impg) in collaborazione con il medico capo (med bat) è responsabile per la valutazione dei mezzi propri a disposizione e del loro impiego. L'AFC 3/5 è costituito da altre funzioni rilevanti per l'impiego e l'istruzione del battaglione, specificamente: l'ufficiale prontezza (uff pront), il capo cure (C cure), l'ufficiale del servizio croce rossa (uff SCR), il capo farmacia (C farm) nonché l'ufficiale ABC.
  • L'S4 (ufficiale rifornimento, uff rif) è incaricato di valutare costantemente la situazione dal punto di vista della logistica e di garantirne il buon funzionamento a livello di battaglione. Il quartiermastro (Qm), l'ufficiale manutenzione (uff man), l'ufficiale circolazione e trasporti (uff CT) e il sottufficiale logistico (suff log) fanno anch'essi parte dell'AFC 4.
  • L'S6 (ufficiale trasmissioni, uff trm) è responsabile dell'allestimento e della gestione dell'infrastruttura d'aiuto alla condotta del battaglione, del funzionamento delle reti di comunicazione nonché del buon funzionamento del posto di comando del battaglione (PC bat). Il sottufficiale incaricato di gestire il funzionamento della cancelleria gli è subordinato.

Stab Spit Bat 66 I

Compagnia di stato maggiore

La compagnia di stato maggiore d'ospedale 66 (cp SM osp 66) è composta da dieci diverse sezioni, le quali forniscono prestazioni all'intero battaglione.

La cp SM osp 66 ha le seguenti missioni principali:

  • installare, proteggere e garantire l'esercizio del PC bat;
  • garantire le prestazioni di supporto logistico e medico del battaglione;
  • garantire la comunicazione con il livello di condotta superiore come pure all'interno del battaglione stesso;
  • fornire prestazioni a favore di terzi.

Il compito principale della cp SM è quello di assicurare la protezione dell'infrastruttura di condotta per il comandante ed il suo stato maggiore nonché di appoggiare le compagnie d'ospedale nel compimento delle missioni ad esse attribuite. Questo sostegno avviene in svariati ambiti in modo che ognuno possa concentrarsi sulle proprie competenze principali, ovvero le cure di base in una stazione di cura. Al fine di poter garantire tutte le prestazioni richieste la cp SM dispone di mezzi e competenze nei seguenti ambiti: trasmissione, rifornimento, trasporti, lotta antincendio, sussistenza, igiene, lavanderia, pulizia, ricovero di pazienti, amministrazione. Da uno sguardo più attento ai diversi compiti si deduce quanto sia necessario il coordinamento tra la compagnia di stato maggiore, le compagnie d'ospedale ed i diversi destinatari di prestazioni.

I corsi di ripetizione riuniscono persone di diversa provenienza professionale le quali devono lavorare insieme in un ambiente dinamico e a volte anche frenetico. Per questo è molto importante promuovere una forte coesione all'interno della compagnia ("tradizione"), coordinare adeguatamente i diversi ambiti di attività ("ordine") per poter svolgere le missioni ricevute con la professionalità ("qualità").

Compagnie d'ospedale

Le compagnie d’ospedale (cp osp) 66/1 e 66/2 sono composte da una sezione di comando e cinque sezioni di cura. Ogni sezione di cura ha tre gruppi di cura. Entrambe le compagnie sono qualificate per fornire un'assistenza di base permanente (low level care) a un massimo di 100 pazienti ciascuno in una o più ubicazioni. A tal fine, possono gestire fino a cinque stazioni di cura con un massimo di 20 pazienti ciascuna.

Le quattro missioni di una cp osp sono:

  • garantire l'esercizio di uno stazionamento improvvisato (stazione di cura improvvisata, stazione di vaccinazione, stazione di isolamento);
  • garantire l'esercizio di un ospedale militare (installazione sotterranea);
  • gestire un Centro operatorio protetto (COP) all'interno di un ospedale civile (installazione sotterranea);
  • rinforzare una struttura civile in modo modulare con personale e/o materiale (p. es. un ospedale e/o una casa di riposo).

Low Level Care è lo standard di qualità per la cura dei pazienti nelle formazioni mediche dell'esercito svizzero. Esso comprende la cura e il trattamento di base secondo gli standard del certificato di ausiliario sanitario della Croce Rossa Svizzera (CRS) e l’istruzione complementare secondo le specifiche del servizio di cura dell'esercito. La cura e il trattamento di base comprendono l'osservazione e il controllo dei pazienti (segni vitali, dolori, ecc.) e le loro conseguenze (informazioni, allarmi, BLS-AED, misure terapeutiche come prescritto, compreso il semplice cambio della medicazione asettica), la somministrazione di iniezioni e infusioni nonché il prelievo di campioni di sangue secondo la prescrizione, la gestione della documentazione di cura e la preparazione del rapporto di cura.

Conclusione del comandante di battaglione, tenente colonnello SMG Emerson Ramoni

"Siamo consapevoli del nostro dovere nei confronti del sistema sanitario e della popolazione del nostro paese. Ci alleniamo ogni anno durante il corso di ripetizione in modo da essere pronti per le emergenze come l'epidemia di Coronavirus nel 2020. Nell’impiego "CORONA20" abbiamo potuto dimostrare che il sistema sanitario svizzero può contare su di noi quando ne ha bisogno. Sono orgoglioso che il bat osp 66 sia in grado di sostenere in caso di necessità le istituzioni sanitarie civili e quindi la popolazione svizzera, fornendo assistenza sanitaria e supporto logistico.”