Servizio volontario

A determinate condizioni i militari possono essere ammessi a un servizio volontario.

I militari possono essere ammessi a un servizio volontario se sussiste una necessità militare e se i loro datori di lavoro (o nel caso dei disoccupati il competente centro di collocamento) hanno dato il loro consenso scritto. La durata del servizio volontario non può tuttavia essere superiore a 38 giorni. Fanno eccezione i militari idonei per una funzione superiore per la quale non vi è a disposizione un numero sufficiente di candidati. Tali militari possono prestare su base volontaria i servizi d'istruzione di base necessari per la funzione se nel nuovo grado hanno già adempiuto il totale obbligatorio dei loro giorni di servizio d’istruzione, se nel corso del servizio d'istruzione di base adempirebbero il totale obbligatorio dei loro giorni di servizio d'istruzione o se il totale obbligatorio dei giorni di servizio d'istruzione nel nuovo grado dopo l'assolvimento dell'istruzione di base durerebbe meno di quattro corsi di ripetizione. 

L’organo dell'esercito o dell'amministrazione militare che necessita di un servizio volontario, presenta il più presto possibile la relativa domanda al capo del Personale dell'esercito. Quest'ultimo o il suo sostituto sono gli unici responsabili per l'autorizzazione del servizio volontario. L'organo che convoca può emanare una chiamata per un servizio volontario soltanto se sussiste la relativa decisione. 

I dettagli relativi al servizio volontario sono regolamentati a partire dall'articolo 54 dell'ordinanza concernente l'obbligo di prestare servizio militare (OOPSM). 

Un servizio volontario si differenza dall'obbligo di prestare servizio prorogato, come disciplinato dall'articolo 21 dell'ordinanza concernente l'obbligo di prestare servizio militare (OOPSM): i servizi di persone il cui obbligo di prestare servizio militare è stato prorogato non contano come servizi volontari. L'obbligo di prestare servizio militare degli specialisti può, con il loro consenso e in caso di idoneità, essere prorogato al massimo fino al compimento del 65° anno d'età, sempre che la funzione per la quale sono previsti non possa essere assunta da altri militari. Anche in questo caso il datore di lavoro deve aver dato il proprio consenso scritto. Lo Stato maggiore di condotta dell'esercito verifica come minimo ogni cinque anni se sussiste ancora la necessità.


Personale dell’esercito Rodtmattstrasse 110
CH-3003 Berna
Tel.
+41 800 424 111
Fax
+41 58 464 32 70

E-Mail
Modulo di contatto


Stampare contatto

Personale dell’esercito

Rodtmattstrasse 110
CH-3003 Berna

Vedi mappa