print preview

Per precauzione la Confederazione richiama mascherine dei vecchi stock

Berna, 09.07.2020 – Quale misura immediata all’inizio della crisi del coronavirus, la Confederazione aveva messo a disposizione dei grandi consumatori e dei Cantoni delle mascherine. Queste ultime provenivano dagli stock costituiti nel 2007. Dato che in occasione di un’analisi sono state rilevate tracce di funghi, la Confederazione ritira ora queste mascherine a titolo precauzionale. Saranno sostituite gratuitamente.

Il laboratorio dell’ospedale universitario di Ginevra (HUG) ha informato la Confederazione di aver constatato una contaminazione dovuta a un agente microbiologico, nel caso concreto un aspergillo (Aspergillus fumigatus), in un campione di mascherine. In occasione di analisi precedenti non erano state rilevate contaminazioni di questo genere.

Il vecchio stock del 2007 è richiamato

Dato che non è possibile analizzare tutte le mascherine, viene ritirato l’intero lotto a titolo precauzionale.

Le mascherine igieniche provengono da un vecchio stock di 13,5 milioni di mascherine che la Confederazione aveva acquistato nell’ambito della prevenzione in caso di pandemia e che erano state immagazzinate presso la Farmacia dell’esercito. All’inizio della crisi del coronavirus, su richiesta dei Cantoni queste mascherine sono state messe a disposizione gratuitamente di grandi e piccoli consumatori nonché del settore sanitario dei Cantoni. Su alcune di esse si sono ora trovate tracce di funghi. Tuttavia vi sono anche mascherine che sono risultate negative alle analisi di laboratorio.

In un altro lotto di 305 000 mascherine FFP2 si sono pure riscontrate tracce di questo fungo. Anche queste mascherine vengono ritirate a titolo precauzionale.

È possibile che la contaminazione sia da ricondurre allo stoccaggio o al trasporto. Attualmente è in corso un’analisi approfondita per stabilire l’origine di questa contaminazione.

Sostituzione precauzionale

La Farmacia dell’esercito ha reagito immediatamente e per precauzione richiama tutte le mascherine di questi stock.
La Farmacia dell’esercito ha già informato in merito all’azione di richiamo, o lo farà a breve, tutti i consumatori potenzialmente interessati dalle forniture di queste mascherine. Le mascherine provenienti dai vecchi stock erano stato consegnate ai Cantoni gratuitamente. Dalla prossima settimana le mascherine saranno anche sostituite gratuitamente

Il commercio al dettaglio non è toccato

I 18 milioni di mascherine consegnate ai commercianti al dettaglio nel mese di aprile a titolo di approvvigionamento iniziale al prezzo di costo non sono toccate da questa azione.

Informazioni aggiuntive

Indirizzo cui rivolgere domande

PER PRIVATI ET INSTITUZIONI (ospedali, studi medici, farmacie, ecc.):
triage-log-aapot.astab@vtg.admin.ch

SOLO PER I RAPPRESENTANTI DEI MEDIA:
Comunicazione Difesa
Daniel Reist, portavoce dell’esercito
+41 58 464 48 08

Editeur