print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


Nuovi simulatori per l’istruzione alla guida

Nel giugno 2023 l’Esercito svizzero ha iniziato a sostituire i vecchi simulatori di scuola guida e di allenamento alla guida per autisti (FATRAN) con il nuovo modello di simulatore di guida per conducenti di veicoli a motore 24 (FSM 24). Dal luglio 2023 il primo degli FSM 24 è a disposizione degli allievi conducenti dell’esercito e dell’amministrazione sulla piazza d’armi di Thun.

17.01.2024 | Comunicazione Difesa, Léonie Gasser

L’aiutante di stato maggiore Daniel Hilfiker durante l’allenamento delle manovre con il primo FSM 24, a Thun.
L’aiutante di stato maggiore Daniel Hilfiker durante l’allenamento delle manovre con il primo FSM 24, a Thun. VBS/DDPS, David Marquis

Entro giugno 2024 presso le ubicazioni della scuola circolazione e trasporto 47 verranno impiegati cinque simulatori FSM 24, composti da cinque postazioni per gli allievi e una postazione di assistenza. Un altro simulatore è in funzione dall’estate 2023 presso il Centro di competenza formazione di guida dell’esercito (CC FGEs) a Thun. I nuovi simulatori permettono di esercitarsi autonomamente alla guida e includono un’analisi automatica che alla fine, con l’ausilio di un video, può essere esaminata con precisione, tra l’altro da una prospettiva aerea. «I simulatori servono anche come utile approfondimento delle lezioni di guida, in particolare degli esercizi di manovra », afferma l’aiutante di stato maggiore Daniel Hilfiker, capo Introduzione simulatore di guida FSM 24. L’attenzione principale della scuola guida comunque è sempre rivolta alle lezioni di guida con il veicolo vero e proprio.

Nuovo modello di apprendimento

Esistono tre varianti di guida al simulatore. Nella prima variante, il maestro o la maestra conducente è nei pressi della postazione degli allievi e fornisce attivamente indicazioni e assistenza. Nella seconda, le guide simulate vengono esaminate in tempo reale presso la cosiddetta postazione di assistenza. Inoltre gli allievi conducenti possono svolgere le lezioni anche in totale autonomia e in qualsiasi momento, per approfondire le loro conoscenze e lavorare nuovamente su eventuali punti deboli. Ogni guida viene registrata, analizzata automaticamente e può essere esaminata e valutata dall’insegnante o dallo stesso allievo conducente anche in un momento successivo.

Le lezioni di guida digitali riducono i rischi

Con l’acquisto del FSM 24 l’esercito compie un ulteriore passo verso la digitalizzazione. Nel simulatore è possibile esercitarsi anche in manovre impegnative e pericolose in un ambiente tranquillo. Ogni guida svolta al simulatore anziché su strada riduce l’usura dei veicoli e le emissioni di CO2. Inoltre nell’ambiente virtuale sono disponibili innumerevoli piazzali e luoghi di manovra realistici e gli insegnanti possono assistere contemporaneamente fino a cinque allievi conducenti. Uno dei grandi vantaggi dell’FSM 24 è che funziona in modo autonomo e può essere spostato e utilizzato ovunque con poco sforzo. L’aiutante di stato maggiore Daniel Hilfiker è persuaso dal nuovo simulatore di guida: «Abbiamo acquistato un prodotto commerciale completamente sviluppato che può essere impiegato ovunque». Il nuovo simulatore aiuta a raggiungere l’obiettivo comune di allievi conducenti e insegnanti: manovrare i veicoli dell’esercito in modo abile, sicuro e adeguato al traffico.

Dalla postazione di assistenza il maestro conducente può monitorare gli allenamenti di tutti i suoi allievi.
Dalla postazione di assistenza il maestro conducente può monitorare gli allenamenti di tutti i suoi allievi. VBS/DDPS, David Marquis


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale