print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


Con sei impieghi alle spalle si può contribuire con molto know-how e molta esperienza

L’ufficiale specialista Marino Ricciardi ha già prestato sei impieghi nella SWISSCOY. Attualmente è impiegato come quartiermastro (Qm) nel 46° contingente SWISSCOY. Il nuovo contingente beneficia del know-how e dell’esperienza che Marino Ricciardi ha potuto acquisire nel corso dei suoi precedenti impieghi. Al commiato dai vecchi camerati subentra la conoscenza di quelli nuovi.

16.08.2022 | Uff spec Norbert Jenal, ufficiale stampa e informazione del 46° contingente SWISSCOY

SCY_QM_4_Der Qm ist für die komplette Buchhaltung
L’uff spec Marino Ricciardi conosce benissimo la Swiss House e i processi del camp.

L’ufficiale specialista Marino Ricciardi è ormai abituato a prendere congedo dai vecchi camerati e a doversi adeguare a un nuovo contingente. Persona pragmatica, ha un approccio molto concreto: «È così che vanno le cose e ci sono persone gradevoli in ogni contingente». L’uff spec Ricciardi ha sviluppato anche un’altra strategia per affrontare i cambiamenti e mantenere viva la sua rete di contatti: «Lo smartphone e la videotelefonia sono eccezionali! Mi consentono di restare in contatto con la mia famiglia e i miei amici in Svizzera. Quando sono in vacanza vedo i miei amici molto più spesso rispetto a quando ero tutto il tempo a casa». Nel camp Marino Ricciardi ha buoni contatti anche con i militari di altri Paesi: «Anche negli altri contingenti ci sono soldati che prestano più di un impiego. Ci capiamo bene e parliamo spesso delle svariate sfide a livello internazionale. Ci incontriamo nelle diverse strutture di sussistenza, per strada o durante il tempo libero giocando a beach volley. In questo modo non ci perdiamo di vista».

Cuoco diplomato, Ricciardi ha prestato cinque anni di servizio come capocuoco e militare a contratto temporaneo. Un amico gli ha parlato della possibilità di impegnarsi a favore del promovimento della pace: «Alla fine del mio servizio militare desideravo prestare ancora un altro impiego», ci dice ridendo. Nell’inverno 2017/18 ha assolto il suo primo impiego come capo Chalet nell’accampamento di Prizren, nel quadro del 37° contingente SWISSCOY. Nel frattempo la SWISSCOY ha smontato lo Chalet e durante la primavera del 2018 l’elemento di supporto nazionale è stato trasferito nel camp di Novo Selo.

Dopo una breve interruzione, Marino Ricciardi ha voluto rifare l’esperienza e si è candidato per il 40° contingente come sost capo Swiss House. Poi ha prolungato l’impiego per la prima volta, diventando capo Swiss House nel 41° contingente. Dopodiché ha assunto la funzione di Qm per il 42° contingente. Al termine di tre impieghi successivi ha deciso di tornare in Patria. «Non sarebbe stato opportuno rimanere all’estero troppo a lungo: in fin dei conti ho una famiglia, degli amici e degli hobby, che non devono in nessun caso essere messi da parte».

Di ritorno in Svizzera, ha iniziato una formazione di maestro conducente, che ha dovuto svolgere online a causa della pandemia di COVID-19. Terminata la formazione, ha deciso di effettuare un ulteriore impiego – anche per liberarsi la mente dopo l’intenso homeschooling. Dall’ottobre 2021 Marino Ricciardi è di nuovo in Kosovo, dapprima come sost capo Swiss House e attualmente come Qm. «Grazie alle mie conoscenze gastronomiche e ai miei impieghi come sost capo e capo Swiss House posso concentrarmi pienamente sui miei compiti di Qm e sul lavoro di stato maggiore». In quanto Qm, Marino Ricciardi è responsabile dell’intera contabilità del contingente. Inoltre, funge da superiore tecnico del furiere, di tutti i warrant officer e del capo Swiss House, è l’interlocutore delle diverse sedi esterne e dei rispettivi uffici di pagamento e, infine, fornisce resoconti all’I8 del Centro di competenza SWISSINT.

«I compiti di un capo Swiss House, di un sost capo Swiss House e di un quartiermastro non possono essere paragonati tra loro. Con diversi impieghi alle spalle ed esperienze in ognuna di queste funzioni conosco molto bene l’esercizio della Swiss House e le ragioni alla base delle decisioni. Posso intervenire senza preavviso e dare una mano alla Swiss House in caso di bisogno o durante le vacanze della squadra di cucina». In quanto Qm, l’uff spec Marino Ricciardi funge da trait d’union con la KFOR e incontra spesso ospiti di altri Paesi.

Le conoscenze acquisite nel corso dei precedenti impieghi si rivelano utili anche nelle attività quotidiane di quartiermastro. Così è stato, per esempio, quando l’ambasciata svizzera a Pristina ha chiesto al contingente se poteva sostenerla nell’organizzazione della festa ufficiale per il 1º di agosto. «Ho potuto dare qualche consiglio e le mie proposte sono state accolte molto bene. Assieme a cinque camerati del contingente ho potuto contribuire al ricevimento per la festa nazionale; in questa occasione abbiamo potuto dare prova delle nostre capacità. Il nostro lavoro è stimato dagli altri Paesi. È un’esperienza meravigliosa».

Per i camerati al loro primo impiego ha un consiglio: «Anch’io ho dovuto cominciare da zero e non ho sempre preso delle buone decisioni. È importante essere comprensivi e imparare dagli errori. Infine, è importante essere sempre se stessi e non voler essere ciò che non si è».


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale