print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


L’esercito si allena nell’aiuto in caso di catastrofi transfrontaliere

Circa 2300 militari sono entrati in servizio per l’esercizio «ODESCALCHI 22 Intro» e si sono allenati nei processi di una mobilitazione di ampia portata. Successivamente, durante l’esercitazione «ODESCALCHI 22», le truppe si alleneranno nell’aiuto in caso di catastrofi transfrontaliere.

08.06.2022 | Comunicazione divisione territoriale 3, Patrick Bertschy

Bild @Patrick Bertschy Einrücken
©VBS/DDPS, Patrick Bertschy

Il 6 giugno 2022, circa 2300 soldati sono entrati in servizio in quattro ubicazioni della Svizzera settentrionale, orientale e meridionale nel quadro dell’esercizio di mobilitazione «ODESCALCHI 22 Intro». Erano stati chiamati in servizio mediante allarme elettronico pochi giorni prima.

Truppe pronte all’impiego in poche ore

In questo esercizio, i militari si sono allenati nei processi di una mobilitazione di ampia portata. Il programma ha previsto il ritiro del materiale e dei veicoli nonché sequenze d’istruzione di base, in particolare nell’ambito sanitario o della sicurezza. Il direttore dell’esercizio, divisionario Rolf Siegenthaler, si è dichiarato soddisfatto: «È andata bene, le truppe e i comandi dell’esercito hanno collaborato proficuamente. In poche ore erano pronti all’impiego».

Esposizione pubblica a Locarno

Dal 13 al 19 giugno 2022, in Ticino, nel quadro dell’esercitazione principale «ODESCALCHI 22» le truppe si alleneranno insieme all’esercito italiano e a partner civili nell’aiuto in caso di catastrofi transfrontaliere, con compiti di salvataggio e protezione. L’esercitazione, programmata da tempo, è collegata a un’esposizione pubblica che mira a far conoscere alla popolazione l’efficacia dell’esercito. L’esposizione si svolgerà dal 15 al 19 giugno presso l’aerodromo di Locarno TI.


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale