print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


I nuovi concetti di protezione dell’esercito contro il coronavirus

L’esercito ha adeguato i suoi concetti di protezione contro il coronavirus per la truppa e il personale dell’Aggruppamento Difesa: l’obbligo di indossare la mascherina è stato revocato, seppur con alcune eccezioni, e non ci sono praticamente limitazioni all’utilizzo delle infrastrutture militari sotterranee o di superficie, a parte alcune misure di distanziamento. Le raccomandazioni in materia di comportamento e di igiene devono continuare a essere parte integrante della quotidianità militare. È possibile trovare tutte le regole e le raccomandazioni in questo articolo.

06.05.2022 | Comunicazione Difesa, Roland Studer

©VBS/DDPS

La situazione epidemiologica nell’esercito si è sviluppata in modo favorevole. Al momento solo i pazienti COVID sintomatici che necessitano di assistenza medica vengono trattati in modo stazionario nelle infermerie. Anche in ambito civile l’incidenza delle infezioni che richiedono cure ha subito un ulteriore calo.

L’evoluzione pandemica giustifica la revoca dell’obbligo di indossare la mascherina per proteggersi dalle infezioni. Un eventuale aumento dei contagi nell’esercito analogo a quello dell’ambito civile può essere compensato dalla Sanità militare all’interno delle strutture ordinarie. Restano invariate le raccomandazioni in materia di comportamento e di igiene.

L’esercito continua a seguire con attenzione l’andamento della pandemia e adegua i suoi concetti di protezione in tempo utile.

Le seguenti regole e raccomandazioni sono valide sin d’ora e fino a nuovo avviso per la truppa e il personale dell’Aggruppamento Difesa.

Esercito

  • L’obbligo di indossare una mascherina è revocato (eccezioni: militari sintomatici e casi sospetti nonché personale che entra in contatto con militari potenzialmente infettivi).
  • Prima dell’entrata in servizio i militari con sintomi devono sottoporsi immediatamente a un test in ambito civile. I test sono gratuiti.
  • I militari che sono risultati positivi prima del servizio non devono entrare in servizio e devono notificarsi al comando competente.
  • I militari che presentano sintomi simili all’influenza devono sottoporsi il più rapidamente possibile a un controllo medico.
  • Continua a essere consentito l’uso della mascherina su base volontaria.
  • La raccomandazione relativa al distanziamento sociale (2 metri) e le regole di igiene restano in vigore.
  • Nei dormitori si consiglia di mantenere una distanza di 2 metri. Qualora non fosse possibile, è necessario dormire a turno con la testa rivolta verso i piedi dell’altro camerata.
  • Continuano a essere rilasciati i certificati di vaccinazione.
  • Come di consueto, i militari possono ordinare online i certificati di guarigione.
  • Per le truppe in impiego possono essere ordinate misure più severe.


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale