print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


Proiettili inesplosi: non toccare – contrassegnare – notificare, per telefono o tramite app.

Ciò che era pericoloso in passato forse lo è ancora oggi. Le munizioni inesplose possono ancora rappresentare una minaccia per la vita anche a distanza di decenni. Se durante una passeggiata in montagna trovi munizioni o parti di munizioni: non toccarle! Chiamando il 117 o mediante l'apposita app il tuo annuncio arriva nelle mani giuste. Specialisti dell'Esercito svizzero si occupano quindi di eliminare in modo sicuro i proiettili.

11.04.2022 | Comunicazione Difesa, Gaby Zimmer e Nathalie Hesse

Chi si trova in montagna, deve prevedere di imbattersi in proiettili inesplosi. Sebbene dopo ogni esercizio di tiro la truppa controlli la zona in questione per trovare e rimuovere eventuali residui di munizioni, non si può escludere che delle munizioni siano passate inosservate. I cosiddetti proiettili inesplosi sono proiettili che non sono esplosi o sono esplosi solo parzialmente. A volte spuntano solo alcuni centimetri dal terreno, analogamente agli iceberg le cui vere dimensioni sono nascoste sotto l'acqua. Spesso i proiettili inesplosi giacciono nel terreno per decenni, come per esempio quella granata di un lanciamine, che negli anni Trenta fu sparata nel quadro di un esercizio di tiro e si conficcò nel terreno senza esplodere. Nessuno se ne accorse.

Non toccare mai!

Trascorrono i decenni, la vita si svolge normalmente attorno alla granata: i contadini di montagna tagliano l'erba sui prati alpini con le loro falci, anno dopo anno. Estate dopo estate, le mucche brucano l'erba tranquillamente, le giovani coppie si godono romantici tramonti e stendono le loro coperte per fare un picnic proprio accanto alla munizione. I biker percorrono i loro sentieri, passando sempre molto vicino alla granata - fino a quando, durante un'escursione, l'attenzione di una ragazzina sveglia di nome Lea viene attirata dal corpo metallico lucente. La granata è praticamente ancora intatta e invoglia la gente a toccarla. «Alt! Non toccare!».

Contrassegnare e notificare

Per poter ritrovare velocemente l’oggetto, è importante segnalare la sua posizione in modo ben visibile, per esempio utilizzando un drappo di tessuto. In seguito è necessario telefonare al 117. Mediante tale numero è possibile collegarsi con la Centrale d'annuncio di proiettili inesplosi a Spiez, i cui collaboratori registrano gli annunci dei cittadini e li interrogano in merito ai dettagli del ritrovamento per valutare quanto sia urgente la necessità di intervenire.

Con l'app è un gioco da ragazzi

Chi possiede uno smartphone dovrebbe in ogni caso scaricare l'applicazione «Inesploso». È gratuita, fornisce informazioni preziose per identificare il genere di munizione e guida gli utenti, passo dopo passo, attraverso lo schema di annuncio. Oltre alle foto dell'oggetto sospetto e dell'ambiente circostante è possibile integrare anche le coordinate esatte del luogo di ritrovamento. In tal modo la Centrale d'annuncio può farsi un quadro completo della situazione. A seconda della pericolosità del ritrovamento, gli specialisti nell'eliminazione di munizioni inesplose vengono convocati subito o in una fase successiva, affinché le munizioni possano essere eliminate adeguatamente.

Ciò che era pericoloso in passato forse lo è ancora oggi. Pertanto, in caso di proiettili inesplosi vale quanto segue: non toccare – contrassegnare – notificare, per telefono al 117 o tramite app.

Symbole_mit_Text_i


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale