print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


Praticamente nessun indizio di Long Covid presso i giovani adulti

L’Esercito svizzero, su incarico del medico in capo dell’esercito, ha organizzato uno studio sulle conseguenze a lungo termine di un’infezione da COVID-19. Ora sono disponibili i risultati. Secondo quanto emerso, a distanza di circa un anno dalla malattia, presso i giovani soldati d’età compresa tra 20 e 28 anni non sono praticamente più state riscontrate tracce di conseguenze a lungo termine (Long Covid).

15.03.2022 | Sanità militare, Nejla Gültekin

Immagine simbolica. ©VBS/DDPS, Alexander Kühni.

Su incarico del medico in capo dell’esercito, dr. Andreas Stettbacher, la prof. dr. Patricia Schlagenhauf e il dr. Jeremy Deuel hanno svolto presso l’Università di Zurigo lo studio «Long COVID in Military Organisations». A tale scopo 500 soldati, uomini e donne, d’età compresa tra 20 e 28 anni sono stati sottoposti a una visita medica approfondita. I giovani che non sono mai stati infettati con il SARS-CoV-2 sono stati confrontati con militari che avevano contratto il COVID-19 circa un anno prima.

Praticamente nessuna conseguenza a lungo termine

Lo studio è giunto alle seguenti conclusioni: dopo aver contratto il COVID-19 sono state osservate alterazioni di breve durata, come perdita dell’olfatto o alterazione della qualità dello sperma. A un anno di distanza dall’infezione tali conseguenze non sono però più riscontrabili.

Lo studio

Lo studio «Persistence, prevalence, and polymorphism of sequelae after COVID-19 in young adults» è disponibile come prestampa al sito

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.02.11.22270836v1

Background: COVID-19 sequelae are poorly defined with an ambiguous pathophysiology. Persistent sequelae could have global, public health and societal ramifications. We aimed to describe sequelae presenting more than six months after COVID-19 in non-hospitalized young adults. Methods: A prospective, longitudinal cohort study followed-up on young Swiss Armed Forces (SAF) personnel.

www.medrxiv.org

Il processo di revisione tra pari e la pubblicazione formale in una rivista specializzata di medicina non sono ancora avvenuti. Lo studio è stato realizzato in collaborazione con l’Università di Zurigo (Istituto di epidemiologia, biostatistica e prevenzione), l’Ospedale Universitario di Zurigo nonché il Laboratorio di Spiez e l’Esercito svizzero.


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale