print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


Un terzo servizio d’appoggio e un impiego impeccabile

Per la terza volta in due anni l’esercito appoggia nella lotta contro il COVID-19 i Cantoni che ne fanno richiesta. Grazie al sistema di milizia, può sostenere le autorità civili in maniera rapida, professionale e mirata; l’esercito viene impiegato laddove è necessario; dopo aver adempiuto il compito, l’esercito conclude il suo impiego.

11.02.2022 | Comunicazione Difesa, Nathalie Hesse

I militari si sono tolti le uniformi per infilare i camici. Soltanto le loro tessere di riconoscimento consentono di distinguerli dal personale ospedaliero. ©VBS/DDPS, Jan Pegoraro
I militari si sono tolti le uniformi per infilare i camici. Soltanto le loro tessere di riconoscimento consentono di distinguerli dal personale ospedaliero. ©VBS/DDPS, Jan Pegoraro

Il 7 dicembre 2021 il Consiglio federale ha di nuovo offerto l’appoggio dell’esercito ai Cantoni che ne avrebbero fatto richiesta per lottare contro la quinta ondata di COVID-19. L’esercito ha dapprima impiegato formazioni che stavano svolgendo corsi di ripetizione, militari sanitari in ferma continuata e volontari disposti a entrare in servizio a favore di una formazione sanitaria. In totale hanno potuto essere impiegati circa 300 militari volontari. In seguito all’aumento delle richieste di appoggio e del fabbisogno di competenze specifiche, l’esercito ha successivamente chiamato in servizio una parte del battaglione d’ospedale 2 e del battaglione d’ospedale 66. Dal mese di dicembre 2021, cittadine e cittadini svizzeri in uniforme hanno momentaneamente messo da parte la loro vita professionale e famigliare per sostenere il sistema sanitario in difficoltà.

Truppe ben istruite

L’esercito ha impiegato soldati sanitari e soldati d’ospedale. I militari convocati provengono da ambienti professionali diversi e il 90% non esercita un’attività medica, ma ha acquisito le conoscenze mediche di base durante la scuola reclute. All’inizio del servizio hanno assolto per tre giorni un’istruzione orientata all’impiego, per essere preparati in maniera specifica alla loro missione. Hanno in particolare imparato a eseguire prelievi del sangue, a cambiare le medicazioni e a occuparsi dell’igiene personale dei pazienti. Grazie a un’istruzione di elevata qualità hanno potuto sgravare il personale di cura nell’adempimento dei compiti di base.

Appoggio a favore del programma di vaccinazione e delle cure di base

Inizialmente l’esercito ha appoggiato il programma di vaccinazione. A tal fine sono stati impiegati militari nei cantoni del Giura e del Vallese, di Neuchâtel e Friburgo, nel Canton Argovia e nel Cantone di Nidvaldo. Attualmente il tasso di vaccinazione è in calo in tutta la Svizzera. Di conseguenza sono nettamente diminuite anche le richieste dei Cantoni a favore dei centri di vaccinazione.

L’esercito è stato impiegato anche in numerosi ospedali. Presso gli ospedali universitari di Ginevra sono stati ad esempio impiegati, per le cure di base, circa 30 militari del battaglione d’ospedale 2. Nell’ambito delle cure di base, i militari si sono occupati della rilevazione dei segni vitali, della mobilizzazione e dell’igiene personale dei pazienti. In tal modo hanno sgravato il personale di cura, che ha potuto concentrarsi su compiti più specifici. L’aiuto dell’esercito è stato accolto favorevolmente dal personale di cura, che più volte si è espresso sull’eccellente collaborazione tra gli impiegati civili e i militari.

Le richieste di appoggio dei Cantoni stanno progressivamente finendo. L’esercito viene impiegato laddove è necessario; dopo aver adempiuto il compito, l’esercito conclude il suo impiego. Conformemente a questo principio, il battaglione d’ospedale 66 è stato licenziato lunedì 7 febbraio 2022. Gli altri impieghi d’appoggio si concluderanno il 19 febbraio 2022. Conformemente a quanto stabilito dal Consiglio federale, l’esercito continuerà a tenersi pronto sino alla fine di marzo 2022, qualora dovesse rendersi necessario un ulteriore appoggio a favore dei Cantoni. Grazie al sistema di milizia, l’esercito può sostenere le autorità civili in maniera rapida, professionale e mirata.

Foto

Link

Impieghi reali

Impieghi sussidiari



Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale