print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

L'impiego quale elemento trainante

«L'accento è posto sull'impiego, che determina ciò che facciamo e quello che dobbiamo saper fare», afferma il colonnello SMG Niels Blatter, comandante del Centro di competenza NBC-KAMIR. I suoi circa 100 collaboratori sono responsabili, oltre che dell'ampia gamma d'impieghi, anche della dottrina e dell'istruzione. Durante una visita il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli, si è fatto un'idea del profilo prestazionale.

23.08.2021 | Comunicazione Comando Istruzione, Michael Senn

Il CEs guida il robot artificiere.
Il capo dell'esercito, comandante di corpo Thomas Süssli, ha visitato il Centro di competenza NBC-KAMIR e ha partecipato in prima persona all'azione. ©VBS/DDPS Alex Kühni, CME

La visita del capo dell'esercito è iniziata con la «madre di tutte le diapositive», come l'ha denominata il colonnello SMG Blatter, vale a dire quella che illustra gli scenari di minaccia in ambito CBRNE. L'abbreviazione sta per Chemical, Biological, Radiological, Nuclear, and Explosives. Gli scenari di minaccia non mancano di certo: Dirty Bomb, pacchi bomba, ricina, i casi Skripal e Nawalny. Gli ultimi anni ci hanno dimostrato in modi sempre nuovi come, anche con mezzi relativamente semplici, sia possibile provocare grandi danni. Questo è accaduto anche in Paesi vicini alla Svizzera. Le minacce sono numerose e possono mutare rapidamente, perciò il Centro di competenza (CC) deve adeguarsi continuamente. A tale scopo risulta essenziale una stretta collaborazione con il Laboratorio Spiez e i partner internazionali.

Artificiere comandato a distanza

Un veicolo d'impiego ha poi trasportato il gruppo dalla sala di teoria a un fossato per brillamenti sulla piazza d'armi di Thun. Alcuni specialisti nell'eliminazione di munizioni inesplose (spec KAMIBES) hanno mostrato al capo dell'esercito le loro procedure d'impiego prendendo quale esempio un dispositivo esplosivo e incendiario non convenzionale (DEINC) posto all'interno di una valigia. Dapprima uno degli specialisti ha fatto una radiografia della valigia, avvicinandosi all'oggetto indossando un equipaggiamento di sicurezza pesante circa 40 kg. L'immagine ha permesso di identificare la struttura dell'ordigno e del suo meccanismo d'innesco. La fase successiva ha visto l'impiego del robot artificiere che, comandato a distanza, si è avvicinato all'oggetto e con un colpo mirato ha interrotto il meccanismo d'innesco. Grazie alle immagini trasmesse dalla telecamera è stato possibile stabilire che l'oggetto non rappresentava più una minaccia e poteva quindi essere rimosso manualmente.

Come un orologio svizzero

Il Centro di competenza NBC-KAMIR può essere paragonato a un orologio. In questa metafora, l'impiego rappresenta la molla motrice che muove gli ingranaggi, vale a dire l'istruzione e la dottrina. Il comandante KAMIR, colonnello Daniel Widmer, afferma: «Ognuno dei miei collaboratori partecipa agli impieghi e ognuno collabora a progetti. In questo modo le esperienze acquisite sul campo confluiscono nelle nostre basi e nell'istruzione». Il Centro di competenza dispone per esempio di un archivio di riferimento con circa 5000 oggetti, una banca dati e numerosi altri documenti didattici. Oltre ai propri collaboratori, a Spiez vengono istruiti anche collaboratori della BLEs, delle polizie cantonali e in futuro l'offerta verrà ampliata anche ad altri militari. Il capo dell'esercito ha potuto farsi un'idea sul posto e ha potuto osservare quanto sia affidabile e preciso l'«orologio» di Spiez.

Foto

Impieghi reali

Ogni giorno impieghi reali

Con il comando KAMIR, il CC NBC-KAMIR dispone di propri specialisti nel settore dell'eliminazione di munizioni inesplose e dello sminamento. Il comando contrasta le minacce che derivano da mine, proiettili inesplosi, depositi di munizioni e dispositivi esplosivi e incendiari non convenzionali (DEINC), svolgendo quotidianamente impieghi reali in Svizzera e all'estero. Dall'inizio della pandemia di coronavirus, il lavoro è aumentato: l'anno scorso gli addetti all'eliminazione di munizioni inesplose hanno registrato in Svizzera un incremento delle segnalazioni di circa il 40%. Le linee telefoniche della Centrale d'annuncio di proiettili inesplosi sono state particolarmente sollecitate a seguito del maggior tempo passato a riordinare le cantine nonché dell'aumento esponenziale delle camminate in montagna.

Dal 2010 in Kosovo è presente in permanenza un team EOD (Explosive Ordonance Disposal). Gli esperti KAMIR sono attivi anche nell’ambito dello sminamento a scopo umanitario, per es. nella Repubblica democratica del Kongo e in molte altre zone d'impiego. Da circa due anni il cdo KAMIR si occupa anche del risanamento di piazze di tiro. Delle circa 2200 zone degli obiettivi presenti in tutta la Svizzera, solamente 600 vengono attualmente ancora utilizzate per scopi militari. Prima di essere cedute, quelle non più utilizzate devono essere ripulite dai proiettili inesplosi. Per poter affrontare questo vasto progetto, il comando KAMIR ha beneficiato di un aumento del personale. Tuttavia allo stato attuale non è ancora possibile prevedere quanto dureranno i lavori di risanamento.