print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

L’esercito svizzero nel 2030

Il mondo cambia a un ritmo incalzante. L’esercito deve continuare a evolversi guardando in avanti, per restare l'ultima riserva di sicurezza della Svizzera anche tra dieci, venti o trent’anni. Con questa consapevolezza, il comando dell’esercito e gli alti ufficiali superiori hanno iniziato a formulare nella primavera 2020 una visione per il 2030. La visione è un faro e la relativa strategia fungerà da guida per ogni decisione e azione.

01.03.2021 | Comunicazione Difesa, Anna Muser

I collaboratori civili e militari, insieme ai militari di milizia, hanno realizzato foto e video per illustrare la Vision 2030. © freshcom GmbH

Una visione descrive una condizione futura che si punta a raggiungere. Noi la raggiungeremo grazie all’apporto di tutti i collaboratori e i militari dell’esercito. Per dare concretezza alla visione abbiamo definito sette ambiti. Gli obiettivi elencati descrivono l'obiettivo da centrare nel 2030 in ciascuno di questi ambiti:

  • Persone per la sicurezza
  • Un compito chiaro e fattibile
  • Le persone al centro dell'attenzione
  • La leadership ci differenzia
  • Anticipare le minacce
  • Efficienza digitale
  • Orientati con coerenza

Una spiegazione dettagliata di questi sette punti è disponibile sul sito dell’esercito (o vision-armee.ch). Per ogni punto viene descritta lo stato che si intende raggiungere con l’attuazione della visione. Forse l’obiettivo non sarà centrato esattamente nel 2030; l’arco di dieci anni è da intendersi come indicazione temporale orientativa.

Quattro principi strategici tracciano la via per arrivare alla visione e ci indicano COME raggiungerla. Questi principi influenzeranno il nostro lavoro nell’Aggruppamento Difesa.

  • Orientare il modo di pensare e di agire all’impiego
  • Conferire le capacità alla componente di milizia
  • Sfruttare il potenziale della Svizzera
  • Promuovere e integrare l’innovazione e la digitalizzazione

Il passo successivo consisterà nel tradurre i quattro principi strategici in strategie parziali. Al momento siamo ancora impegnati nell’attuazione dell’USEs, l’Ulteriore sviluppo dell’esercito. A partire dal 2022 gli obiettivi derivati dalla strategia saranno riferiti concretamente alla nostra situazione lavorativa e negli anni successivi determineranno le nostre specifiche attività. In questo modo le azioni e le decisioni quotidiane dell’Aggruppamento Difesa e dell’esercito saranno allineate con la nostra visione. 

La nostra visione esprime un’ambizione condivisa e come tale va anche interpretata. Essa prefigura i cambiamenti nel nostro ambiente e nel lavoro, guidando il nostro agire quotidiano verso un futuro in cui il nostro lavoro sarà ancora importante, rilevante e riconosciuto, anche nel 2030.

Comandante di corpo Thomas Süssli, capo dell’esercito

Al fine di sviluppare una comprensione comune di concetti fondamentali come «innovazione» o «digitalizzazione», è importante descriverli nel contesto della visione. Tutti sono invitati a partecipare con le loro riflessioni, parole e azioni nell’implementazione quotidiana di questi principi.

Per il dialogo sono disponibili delle piattaforme e il vostro feedback è importante. I messaggi pervenuti a vision@vtg.admin.ch saranno periodicamente discussi in seno al comando dell’esercito. La visione e la strategia ci accompagneranno a lungo durante la nostra carriera nella difesa nazionale svizzera. Un'evoluzione che ci unirà tutti.