print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

Una carriera che ti fa decollare

L’area espositiva dedicata a SPHAIR presso il Museo Svizzero dei Trasporti di Lucerna offre ai giovani appassionati d’aviazione l’opportunità di informarsi sulle possibilità e sul modo di procedere per realizzare il loro sogno di diventare pilota militare.

24.03.2021 | Comunicazione Difesa, Eloisa Jacomelli

L'area tematica SPHAIR al centro del padiglione dell’aeronautica presso il Museo dei trasporti di Lucerna. © VBS/DDPS, Eloisa Jacomelli

Il Museo Svizzero dei Trasporti di Lucerna ha riaperto le sue porte al pubblico. Oltre a raccontarci la storia dei mezzi di trasporto, questo museo ci presenta anche alcune professioni specifiche del settore. Il Museo Svizzero dei Trasporti, noto anche come Verkehrshaus, ha approfittato del lockdown per rinnovare parzialmente le sue sale espositive, tra cui anche quella dedicata all’aeronautica.

Un’atmoSPHAIR affascinante

Già l’impostazione della sala ci immerge in un’atmosfera ammaliante. L'aeronautica è un mondo appassionante e in questa sala non manca davvero nulla! Aerei e modelli d’aereo a perdita d’occhio decorano il soffitto e le vetrine. Un aereo in particolare attira l’attenzione per il suo colore rosso fiammante. Si tratta di un velivolo della Patrouille Suisse. Sotto di esso è sistemato un sedile d’aereo montato su una piattaforma di simulazione SPHAIR, ma non è tutto.

Un mondo e numerose informazioni a portata di mano

SPHAIR rappresenta il primo contatto con il mondo dell’aviazione per chi vuole diventare pilota militare. Questo spiega la sua presenza presso il Museo dei Trasporti. Non si trova lì soltanto per intrattenere i visitatori con il simulatore, ma anche per informare tutti i giovani interessati, e perché no, futuri aspiranti piloti dell’Esercito svizzero, che SPHAIR è il loro punto di partenza. Sulla facciata destra sono presentati i quattro criteri principali per la prima selezione e accanto, su un grande schermo tattile, i visitatori possono accedere a informazioni più dettagliate scansionando con il loro cellulare i codici QR proposti. Grazie all’introduzione di queste tecnologie moderne è possibile accedere ai siti Internet che interessano con un semplice clic e informarsi, per esempio, sullo svolgimento dello screening, ma anche leggere le storie appassionanti dei piloti presentate sulla loro pagina e accedere ai test preparatorio per lo screening.

Più di un semplice museo

Il museo ha potuto aprire i suoi battenti dopo il secondo lockdown e i visitatori sono accorsi ancora più numerosi rispetto alla prima riapertura. Questo museo è adatto a tutte le età ed è la destinazione ideale per un’escursione giornaliera che può essere effettuata 365 giorni all’anno. Inoltre ogni anno vengono organizzati programmi aggiuntivi, come per esempio gli Air and Space Days. Un’ulteriore occasione per scoprire il mondo appassionante dell’aviazione e un luogo in cui è presentata una selezione di progetti in collaborazione con altri musei e associazioni nonché con i collezionisti e i partner. Queste giornate rappresentano un contatto ancora più magico e ravvicinato con il mondo dell’aviazione e dell’aeronautica.