print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

All’altezza delle altezze

Gli specialisti di montagna dell’esercito devono soddisfare requisiti molto alti, perché la montagna può essere un terreno d’impiego molto duro. Il Centro di competenza servizio alpino dell’esercito offre corsi di istruzione anche per altri settori dell’esercito e partner che si occupano di protezione e soccorso.

25.01.2021 | Comunicazione Difesa, Ruth van der Zypen

Hauptbild_it
Gli specialisti di montagna dell’esercito hanno competenze speciali e sono molto apprezzati. © VBS/DDPS, Philipp Schmidli

Può capitare che la zona dell’Altipiano sia sgombera dalla neve, mentre la piazza d’armi Andermatt a 1500 metri di altitudine è immersa in uno scenario invernale. È qui che l’esercito organizza l’istruzione e l’addestramento per l’acquisizione di tutte le competenze necessarie ad affrontare le difficoltà dei rilievi alpini. Si tratta di un ambiente assai diffuso, basti pensare che due terzi della Svizzera sono occupati da territori montuosi e poco accessibili. Anche su questi terreni impervi, l’esercito deve essere in grado di svolgere la propria missione.

Istruzione e verifica dei materiali

L'ex comandante, colonnello di stato maggiore Marco Mudry, svolge il suo lavoro con gioia. «Trasmettiamo conoscenze importanti agli aspiranti specialisti di montagna.» Il Centro di competenza servizio alpino dell’esercito svolge sia un’attività di istruzione che di ulteriore sviluppo dei materiali in uso, da moschettoni e sci fino agli argani a motore o i ponti radio che rendono possibili le comunicazioni via radio o telefono in qualsiasi contesto topografico. È infatti fondamentale essere sempre aggiornati dal punto di vista tecnico.

Responsabili per la sicurezza

La centrale valanghe di Andermatt valuta inoltre il rischio valanghe per la rete stradale del Canton Uri, offrendo così un servizio importante per la sicurezza dei suoi residenti. L’offerta didattica comprende anche corsi di montagna per i partner della Rete integrata Svizzera per la sicurezza, come la polizia o il corpo delle guardie di confine. Questo centro è particolare anche perché le guide alpine dell’esercito sono affiancate da venti guide civili a contratto che insegnano tuttavia ai corsi indossando l’uniforme.

Il colonnello di stato maggiore Marco Mudry ritiene che uno dei principali obiettivi del suo comando sia istruire persone responsabili in grado di prendere decisioni. «Vogliamo preparare le persone per metterle in grado di valutare una situazione e prendere decisioni ponderate. Dando sempre la priorità alla sicurezza.»

Corsi di montagna per giovani ufficiali

L’offerta include corsi settimanali per aspiranti ufficiali di professione, come ad esempio quello di «Condotta in condizioni particolari». In questi corsi i partecipanti imparano a sciare in neve fresca e a preparare un profilo nivometrico. A tal fine scavano nella copertura nevosa fino al suolo, misurano e confrontano i dati come spessore della neve fresca, temperatura, durezza della neve e dimensioni dei grani. La presenza di strati deboli e morbidi sopra molteplici strati duri e bagnati segnala ad esempio il pericolo di distacchi. Oppure si esercitano a costruire una barella di emergenza per il trasporto di un ferito con tre zaini e sei bastoncini. Alla fine li aspetta l’esercitazione notturna di sopravvivenza in montagna. Gli aspiranti ufficiali di professione devono trascorrere la notte in un igloo autocostruito ad arte.

Nel corso della formazione, gli specialisti di montagna dell’esercito acquisiscono competenza speciali per affrontare la montagna. Essi godono di un grande prestigio, giustificato dal servizio per la collettività che prestano quasi ogni giorno.

Diventa specialista di montagna con l’Esercito svizzero!

Al reclutamento dei giovani specialisti di montagna si applicano requisiti tecnici e fisici severi. I candidati devono essere già in possesso di competenze alpinistiche sia estive che invernali; costituiscono un titolo preferenziale il superamento di corsi per monitori G+S relativi ad alpinismo, arrampicata o sci alpinismo. Sono richieste anche guide di montagna per il team dei formatori. Requisiti: risultato sportivo molto buono al reclutamento (80 punti) Esame d’idoneità antecedente al servizio: conoscenze basilari, manipolazione della corda, arrampicata, prestazione fisica, tecnica di sci alpino, prova di resistenza fisica

Per maggiori informazioni: www.miljobs.ch / specialista alpino

Foto

Sullo stesso argomento

Un esercito per tutti