print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

Tutti sazi grazie alla cucina della compagnia di stato maggiore

Non sono richieste ottime prestazioni solo presso la stazione di Olten, dove il battaglione di fanteria 97 assolve l'esercizio «VILLAGGIO», ma anche nella cucina della compagnia di stato maggiore. Invece di un capocucina e tre-quattro cuochi di truppa, per la compagnia di stato maggiore del battaglione di fanteria 97 cucinano solo due soldati. Il soldato Pirmin von Grünigen riveste la funzione di capocucina ad interim e viene aiutato dal suo sostituto, soldato Oliver Zwahlen. Con molto impegno, talento organizzativo e soprattutto passione i due cuochi forniscono sussistenza a 120 persone durante il corso di ripetizione.

05.07.2019 | PIO bat inf 97, Uff spec Kevin Frank / Comca D

Titelbild
Un team affiatato: i cuochi formano un duo eccezionale.

Il capocucina, soldato Pirmin von Grünigen, e il suo sostituto, soldato Oliver Zwahlen, sono entrambi cuochi anche in ambito civile. I due prestano attualmente il loro secondo corso di ripetizione (CR) nella compagnia di stato maggiore del battaglione di fanteria 97, il cui compito è assicurare la capacità di condotta dello stato maggiore del battaglione. Intervistati, non nascondono che questo impegno supplementare, che grava sulle loro spalle in mancanza di un capocucina, rappresenta una grande sfida.

Il coordinamento reciproco e lo scambio di informazioni si rivelano particolarmente difficili a causa delle numerose assenze di natura privata dovute a perfezionamenti. La sfida maggiore consiste tuttavia nella situazione determinata dalle risorse limitate, che richiede grande impegno da parte di entrambi i cuochi. Mentre inizialmente dovevano fare affidamento solo su sé stessi, ora possono contare su due soldati attribuiti in permanenza alla cucina, impiegati per esempio per il trasporto o per servire il cibo.

Rispetto all'ambito civile vi sono due differenze principali: anche se da un lato l'impegno è notevolmente ridotto dalla limitazione a un solo menù, dall'altro le singole fasi di lavoro non possono essere suddivise su più persone. Oltre alle risorse limitate a livello di personale, i due soldati devono fare i conti con obblighi supplementari come il controllo del budget o la pianificazione e l'acquisto degli alimenti, compiti che normalmente svolge il capocucina. Il duo riceve appoggio dal furiere, che spesso si reca personalmente in cucina per aiutare con le preparazioni per la cena.

Restare uniti e far fronte alle sfide

La situazione richiede impegno, ma al contempo dà molta soddisfazione. Come succede spesso nella vita, le sfide si traducono in crescita personale. Quando la truppa esprime un complimento per la cucina, lo stress non si fa più sentire e regna la gioia. Per rispondere alla domanda su quale sia stato il momento più memorabile, Zwahlen non deve pensare a lungo: gli vengono subito in mente le sue fettine di manzo. Erano talmente morbide che si potevano tagliare con un cucchiaio. Von Grünigen ricorda con soddisfazione l'ispezione alimentare, nella quale la cucina ha ricevuto un ottimo risultato.

Tuttavia il successo non è sempre così immediato: nella prima settimana per esempio un pomeriggio si è saputo improvvisamente che oltre alle 150 persone previste per cena ne sarebbero arrivate altre 100. Nonostante qualche goccia di sudore in più, tutte le persone presenti sono state sfamate. L'impegno e la passione della squadra di cucina non rimangono inosservati, si possono percepire ad ogni morso. Anche quel giorno infatti i complimenti sono giunti in cucina.

Badge Inf Bat 97