print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

La cacciatrice di cimici dei letti dell'esercito

Le infestazioni di cimici dei letti sono un flagello difficile da sradicare. Recentemen-te ne hanno fatto le spese alcuni militari del battaglione di zappatori carristi 1 che stavano svolgendo un corso di ripetizione. Esistono tuttavia dei cani addestrati ap-positamente per scovare le cimici dei letti. Nastassja Gfrerer, responsabile della salu-te degli animali presso il servizio veterinario dell'esercito, sta attualmente seguendo con il suo cane Java una formazione per individuare questi insetti indesiderati.

21.06.2019 | Comunicazione Difesa, Anthony Favre, Eve Hug

Java_Titelbild

Si chiama Java, ha due anni e adora usare il suo fiuto da investigatore. Dal mese di aprile del 2019 questo giovane bovaro delle Fiandre e la sua padrona, Nastassja Gfrerer, stanno seguendo una formazione presso Dogs'Spirit, una scuola d'addestramento specializzata nel rilevamento di cimici dei letti. «Per il momento Java non può ancora essere impiegata. Ma se supererà tutti i test, potrà entrare ufficialmente in servizio a favore dell'esercito», spiega Nastassja Gfrerer.

La propagazione delle cimici dei letti non dipende dall'igiene; nella maggior parte dei casi gli insetti vengono trasportati inavvertitamente in caso di viaggi o spostamenti. L’impiego di cani, grazie al loro fiuto estremamente sviluppato, è uno dei metodi più efficaci per individuarli: mentre una persona impiega oltre due ore per controllare un locale con una probabilità di successo del 30% circa, un cane in soli tre-sei minuti raggiunge un'affidabilità vicina al 95%.

Il piacere di cercare

La formazione dura circa un anno e combina lezioni teoriche e sequenze pratiche, nelle quali i padroni e i cani affrontano situazioni concrete: delle cimici dei letti sono nascoste in alcuni oggetti e i cani devono imparare a riconoscerne l'odore. Dopo averle trovate, si siedono e rimangono immobili per indicare al padrone il luogo esatto in cui si trovano i parassiti. «Qualsiasi cane può essere addestrato a trovare le cimici dei letti, non esistono razze specifiche. Basta che al cane piaccia cercare», spiega Nastassja Gfrerer.

L'obiettivo è quello di superare entro la fine dell'anno il severo esame della Bed Bug Foundation, una delle più importanti organizzazioni internazionali in materia, e di ottenere quindi la certificazione. Se avrà successo, Java potrebbe diventare il primo cane dell'esercito a dare la caccia alle cimici dei letti.

Foto

Le cimici dei letti

Le cimici dei letti possono raggiungere i 5 millimetri di grandezza. Sono attive poco prima dell'alba e si nutrono di sangue umano, mentre durante il giorno si nascondono nelle fessure dei letti e dei mobili. Si trovano sui materassi, sui vestiti o nei bagagli e di conseguenza vengono spesso trasportate come ospiti indesiderati al rientro dalle vacanze. Quando si viaggia è quindi raccomandabile prestare attenzione ad alcuni fattori: per esempio verificare sempre la presenza di cimici dei letti nelle camere d'albergo e non appoggiare mai le valigie direttamente sul letto.

Questi parassiti si propagano in modo esponenziale in quanto si moltiplicano rapidamente. Una sola femmina può deporre fino a 12 uova al giorno. Non sorprende quindi che le cimici dei letti si siano diffuse velocemente in tutto il mondo negli ultimi anni.

I segnali di un'infestazione sono delle punture rosse che provocano prurito. Per eliminare gli insetti esistono degli insetticidi speciali oppure è possibile utilizzare un forno speciale che scalda gli oggetti a più di 55° C per circa 35 ore, uccidendo sia le cimici dei letti sia le loro uova.

L'esercito ha definito un procedimento (algoritmo) che stabilisce chiaramente la procedura di accertamento e i provvedimenti di controllo nel caso in cui si sospetti un'infestazione. Le camere devono essere pulite da imprese civili specializzate. I tessili lavabili vengono lavati a 60° C, mentre i bagagli possono essere sottoposti a trattamento termico (a temperatura superiore ai 55° C o inferiore ai 18° C) per diversi giorni. Gli oggetti più piccoli possono essere messi in congelatore per diversi giorni.