print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

Profilo del giorno: ten Tiziano Caldelari

Chi sono i militari impiegati al WEF e cosa fanno durante il loro impiego? Cuminaivel pubblica regolarmente le voci della truppa.

13.01.2020 | CUMINAIVEL | ab

Leutnant Tiziano Caldelari

 

Tiziano Caldelari è un 24enne studente di economia all’Università di Zurigo, ma per tre settimane all’anno rispolvera la mimetica per trasformarsi nel tenente Caldelari della compagnia di zappatori 9/2. Dalla sua Bellinzona si è aggregato per la prima volta alle truppe del genio mobilitate per il WEF 2020: «È un po’ particolare per noi: entriamo in servizio per due settimane per montare tutto ciò che permette alla fanteria di svolgere il suo lavoro, poi rientriamo a casa per una settimana e alla fine torniamo sul posto per l’ultima per smantellare. Il WEF praticamente non lo vediamo (ride, ndr)». 

Appassionato di caccia e tiro al piattello – «ma di questi tempi è meglio non dirlo», ci svela scherzando -, Tiziano è nipote della nota conduttrice radiotelevisiva della RSI Carla Norghauer. Un rapporto di parentela consolidato dall’amore per l’Ambrì e dalla passione per l’hockey: «Ho giocato a Cochrane vicino a Calgary per la Bow Valley High School – ci racconta – Sono andato là con l’idea di vivere un’esperienza di un anno ai tempi della prima liceo. Se sarei rimasto? Scolasticamente da noi è meglio e poi la Svizzera è sempre la Svizzera!». 

Tiziano Caldelari continua a calzare i pattini per il Lodrino in quarta lega, pur avendo lasciato il Canada da quasi 10 anni. In mezzo, 12 mesi in grigioverde tra il 2016 e il 2017 per il pagamento del grado di tenente a Brugg. Caposezione di una sezione trilingue, in questo corso di ripetizione al tenente Caldelari tocca masticare ancora parecchio tedesco, ma il saluto finale glielo concediamo in… dialetto: «Salüdi tücc da Davos».