print preview Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni

Il centro nevralgico delle Forze aeree a Dübendorf

Nella centrale operativa delle Forze aeree l’esercito sorveglia lo spazio aereo svizzero con strumenti di ultima generazione e controlla tutte le missioni delle Forze aeree. Nella centrale confluiscono le informazioni necessarie a individuare tempestivamente potenziali pericoli o minacce, reagire in funzione della situazione e garantire la sicurezza dello spazio aereo svizzero in qualunque momento. Siamo pronti ad affrontare minacce e pericoli futuri.

01.04.2021 | Comunicazione Difesa, Eve Hug

Ripresa aerea della centrale operativa delle Forze aeree a Dübendorf. © Forze aeree svizzere

Dübendorf è il centro nevralgico di tutti gli impieghi effettivi, di istruzione e di addestramento delle Forze aeree svizzere. La centrale operativa, l’Air Operation Center, pianifica e gestisce tutte le missioni e controlla le risorse aeree necessarie. L’ufficiale di picchetto nella funzione di Senior Duty Officer (SDO) garantisce la capacità di reazione delle Forze aeree in qualsiasi momento nella centrale operativa, affinché siano sempre in grado di intervenire con rapidità, efficacia e in modo adeguato alla situazione a fronte di eventi e richieste improvvise.

Prontezza all’impiego sulle 24 ore

La centrale operativa è ubicata nel centro di sicurezza aerea di Dübendorf, nell’edificio di Skyguide, e si articola in più centrali d’impiego: difesa aerea, trasporto aereo, ricognizione aerea e ricognizione elettronica. La centrale d’impiego difesa aerea, che dipende dal Chief Air Defense (CAD), dirige tutte le missioni con jet delle Forze aeree. Queste comprendono sia le missioni di addestramento che gli impieghi nell’ambito del servizio di polizia aerea. La centrale garantisce la sorveglianza e la gestione di tutti i movimenti aerei militari 365 giorni all’anno e 24 ore su 24.

Le Forze aeree svolgono inoltre periodicamente voli di trasporto, ricerca e soccorso con elicotteri. La pianificazione e la condotta di tutte le missioni con elicotteri e droni delle Forze aeree competono alle centrali d’impiego Trasporto aereo e Ricognizione aerea.

Sorveglianza globale dello spazio aereo

Prima del decollo degli aerei militari, le Forze aeree devono avere un quadro completo e aggiornato della situazione nello spazio aereo svizzero. Sono numerosi i sistemi militari disponibili che possono essere usati a questo scopo (vedi grafico). La centrale d’impiego Ricognizione elettronica fornisce ad esempio un contributo alla creazione di un’immagine della situazione aerea. La centrale d’impiego Difesa aerea è inoltre di supporto nell’identificazione elettronica degli aeromobili.

Le Forze aeree lavorano a stretto contatto con il controllo della circolazione aerea Skyguide che occupa lo stesso edificio della centrale operativa di Dübendorf e dispone di sistemi completi per la sorveglianza dello spazio aereo civile.

Collaborazione tra civili e militari

Skyguide è responsabile su incarico delle Forze aeree svizzere anche della sicurezza aerea militare e della condotta tattica. Nelle torri di controllo degli aerodromi militari e nella centrale d’impiego Difesa aerea i collaboratori di Skyguide garantiscono lo svolgimento sicuro e scorrevole del traffico aereo. Sono loro a gestire, sorvegliare e coordinare il traffico a terra, come pure gli aeromobili e gli elicotteri in fase di decollo e atterraggio, e a garantire la condotta tattica durante le esercitazioni e le missioni.

L’aspetto più impegnativo del lavoro per tutti i soggetti coinvolti riguarda gli impieghi del servizio di polizia aerea che possono subentrare a qualsiasi ora in modo non pianificato e in cui i collaboratori del traffico aereo di Skyguide devono guidare gli aviogetti da combattimento in modo rapido e sicuro fino al luogo d’impiego. È possibile farlo soltanto grazie alla collaborazione molto stretta tra tutti gli interlocutori militari e civili coinvolti.

Operativi per un futuro sicuro

Con la prontezza all’impiego sulle 24 ore, la sorveglianza globale dello spazio aereo e la collaborazione tra civili e militari, la centrale operativa delle Forze aeree permette all’esercito svizzero di impiegare le proprie forze in caso di minacce e pericoli in aria e dall’aria in funzione della situazione, con maggiore capacità e in modo interconnesso. Il centro nevralgico delle Forze aeree a Dübendorf è una garanzia di sicurezza, oggi e in futuro.

Servizio di polizia aerea

Servizio di polizia aerea

Con il servizio di polizia aerea l’esercito garantisce la sicurezza permanente e la sovranità dello spazio aereo svizzero. Dall’inizio del 2021 è stata attivata sulle 24 ore la prontezza all’impiego e alla partenza entro un massimo di 15 minuti con due aviogetti da combattimento armati, per 365 giorni all’anno. I velivoli destinati al servizio di polizia aerea permanente denominato Quick Reaction Alert (QRA) stazionano presso l’aerodromo militare di Payerne, mentre Emmen e Meiringen fungono da riserva. La sorveglianza, l’attivazione e la condotta di un impiego QRA competono alla centrale d’impiego Difesa aerea di Dübendorf. È lì che il Chief Air Defence decide in merito alle misure di polizia aerea da adottare e ordina all’occorrenza l’allarme per i due F/A-18 pronti per l’impiego a Payerne. La centrale d’impiego Difesa aerea garantisce da circa 15 anni la sorveglianza permanente dello spazio aereo. Grazie al QRA è stata ulteriormente potenziata la capacità d’intervento senza soluzione di continuità in tutti i giorni dell’anno.

Impieghi di polizia aerea 2020

Numero di «hot mission» (interventi):         15

Numero di «live mission» (controlli):            290

Search and Rescue (SAR)

Search and Rescue (SAR)

Il 1° gennaio 2021 le Forze aeree hanno inoltre assunto il coordinamento degli impieghi di ricerca e soccorso (Search and Rescue) su mandato dell'Ufficio federale dell’aviazione civile (UFAC). Attivo sulle 24 ore, il Rescue Coordination Center (RCC) passa al vaglio le informazioni su velivoli dispersi o incidentati in Svizzera oppure le richieste di soccorso pervenute alla Centrale operativa di Dübendorf. All’occorrenza è possibile avviare un’azione di ricerca con un elicottero SAR dell’esercito nell’arco di 60 minuti – giorno e notte, 365 giorni all’anno.

Sistemi delle Forze aeree

(Grafik: VBS)

Sistemi delle Forze aeree per il rilevamento della situazione aerea

Centrale d’impiego

La centrale d’impiego utilizza tutti i dati a disposizione per allestire un’immagine completa e aggiornata della situazione nello spazio aereo svizzero.

FLORAKO

FLORAKO è un sistema di controllo per la protezione aerea. Il sistema elabora i dati di sensori militari e civili per creare un quadro complessivo della situazione aerea.

Data-Link (Link 16)

I dati raccolti dai sensori radar degli F/A-18 e da altre piattaforme compatibili con Data-Link sono immessi tramite connessione digitale nel sistema FLORANKO.

TAFLIR

Il sistema d’impiego radar tattico mobile TAFLIR consente di rilevare lo spazio aereo medio e inferiore con una portata di 110 km di raggio e 10 km di altezza.

BODLUV

Altri dati sullo spazio aereo inferiore anche su lunghe distanze e indipendentemente dal tempo e dalle condizioni meteo vengono trasmessi grazie ai sensori BODLUV.

Ricognizione elettronica

L’esplorazione di segnali localizza e analizza le sorgenti radio e radar civili e militari.

Posti d’informazione delle Forze aeree

Malgrado si utilizzi la tecnologia più moderna, la topografia della Svizzera non permette di sorvegliare con i radar l’intero spazio aereo. Per questo sono impiegati in via supplementare degli osservatori che trasmettono le loro comunicazioni al sistema FLORAKO.

Capo centrale operativa Forze aeree

Colonnello di stato maggiore Pierre-Yves Eberlé, capo centrale operativa Forze aeree. © Forze aeree svizzere

Colonnello di stato maggiore Pierre-Yves Eberlé, capo centrale operativa Forze aeree

L’aerodromo militare Dübendorf si estende tra il territorio della città di Dübendorf e i comuni Volketswil e Wangen-Brüttisellen e scrive la storia dell'aviazione da oltre cento anni. Dübendorf può essere definito la «culla dell’aviazione svizzera», sia civile che militare. Nell’edificio Skyguide del centro operativo Dübendorf entrato in servizio nel 2007 convivono diversi stakeholder importanti:

la società di controllo del traffico aereo Skyguide, la Base d’aiuto alla condotta dell’esercito, la RUAG Defence e le Forze aeree. Uno dei principali vantaggi di questo utilizzo congiunto degli spazi e dell’equipaggiamento è la prossimità che agevola una comunicazione efficiente tra la parti coinvolte.