print preview Ritornare alla pagina precedente Comando Operazioni

Discussione costruttiva con l'esperto in sicurezza

Dalla guerra fredda, quando l'Esercito svizzero contava 800 000 militari, fino all'era cyber. La relazione specialistica che il colonnello SMG Thomas Schneider ha tenuto presso il liceo cantonale di Baden, incentrata sulla sicurezza negli ultimi secoli e in futuro, ha fatto emergere prospettive critiche e stimolato la discussione con allievi ben informati.

26.09.2018 | Comunicazione Difesa

Connaissances spécialisées et réponses à toute sorte de questions : le colonel EMG Thomas Schneider suscite l’intérêt des élèves.
Connaissances spécialisées et réponses à toute sorte de questions : le colonel EMG Thomas Schneider suscite l’intérêt des élèves.

Sono in molti a interessarsi ad argomenti quali le crisi, i conflitti, la sicurezza e i diritti dell'uomo; sono questi i temi principali della storia, scelta come materia complementare. Sono presenti quasi 40 ragazzi e l'aula è gremita. L’atmosfera che fa da sfondo alla relazione è quindi ideale per delle discussioni accese e talvolta critiche.

Le presentazioni danno anche la possibilità di porre domande direttamente a una persona; l’insegnante di storia Patrick Zehnder (al centro) concede volentieri questa possibilità.
Le presentazioni danno anche la possibilità di porre domande direttamente a una persona; l’insegnante di storia Patrick Zehnder (al centro) concede volentieri questa possibilità.

Il relatore, colonnello SMG Thomas Schneider della divisione territoriale 2, è stato invitato già per la terza volta dai docenti Patrick Zehnder e Daniela Tenger, responsabili della materia complementare. Gli allievi che scelgono di frequentare questo corso approfondiscono il tema delle crisi e dei conflitti degli ultimi decenni, con uno sguardo rivolto al futuro.

I diciottenni dispongono già di buone conoscenze di base e riflettono su ciò che ascoltano. Hanno già raccolto informazioni sui conflitti scoppiati in passato per questioni legate a confini nazionali come pure in merito ai sempre più frequenti conflitti per le risorse, come ad esempio l'acqua o l'energia.

Planisfero

 

Uno studente chiede come mai la Svizzera sia uno dei pochi Paesi nella regione ad avere un esercito di milizia. I presenti discutono quindi delle possibilità, delle conseguenze finanziarie e dei compiti dell'esercito. «La Svizzera ha bisogno di un esercito?», chiede un altro allievo del liceo. Il relatore risponde con un'altra domanda: «Crede che in tempi brevi l'uomo si trasformerà una creatura pacifica?».

Chiedere e mettere di nuovo in discussione: questo è lo scopo della manifestazione.
Chiedere e mettere di nuovo in discussione: questo è lo scopo della manifestazione.

«Se c'è qualcosa che questo pubblico non apprezza, è la pubblicità», commenta il col SMG Thomas Schneider dopo la lezione: «Qui sono richieste conoscenze specialistiche, ognuno definisce autonomamente il proprio punto di vista!». Il col SMG Schneider rispetta questi punti di vista e predilige il discorso accademico. Prima di diventare ufficiale di professione ha studiato scienze naturali con approfondimento in geofisica al Politecnico federale di Zurigo.

«Gli studenti liceali apprezzano l'interazione con il relatore, questo è evidente dalla loro intensa partecipazione», conferma l'insegnante di storia Patrick Zehnder. «Si tratta di un esperto dell'architettura di sicurezza, una persona pratica. Ciò risulta credibile e si distanzia nettamente da qualsiasi tipo di propaganda che verrebbe subito riconosciuta dagli allievi. Il successo ottenuto mi sprona a ripetere questa manifestazione», conclude Patrick Zehnder.

Temi associati

Agosto 2020

Impiegati laddove c'è bisogno di noi


Scuola reclute


Donne nell'esercito


Air 2030


Swisscoy


Mestieri dell'esercito


Salute


Ecologia


Impieghi all'estero


Musica militare


Riparazioni


Reclutamento


Sicurezza informatica


Il supporto dell'Esercito svizzero


Il supporto dell'Esercito svizzero


Sussistenza


Impiego delle Forze aeree


Esercito e società