print preview

Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale


La Svizzera rinnova l’accordo sulla polizia aerea con la Francia

Oggi, sull’aerodromo di Meiringen, il sostituto comandante delle Forze aeree svizzere, brigadiere Werner Epper, e il generale della divisione delle Forze aeree francesi, Dominique Tardif, hanno rinnovato – in combinazione con una visita sull’Axalp – il trattato concernente l’accordo sulla polizia aerea tra la Svizzera e la Francia. Questo accordo bilaterale garantisce una collaborazione transfrontaliera senza attriti nel servizio di polizia aerea, contribuendo così in misura sostanziale alla protezione dello spazio aereo e della popolazione.

18.10.2022 | Comunicazione Difesa, Nadine Schröder

Dominique Tardif, generale della divisione delle Forze aeree francesi (a sinistra) e brigadiere Werner Epper, sostituto comandante delle Forze aeree svizzere.
Dominique Tardif, generale della divisione delle Forze aeree francesi (a sinistra) e brigadiere Werner Epper, sostituto comandante delle Forze aeree svizzere. (©VBS/DDPS, Nadine Schröder)

L’accordo siglato nel 2004 ha dovuto essere aggiornato in riferimento a determinati aspetti operativi, tecnici e amministrativi. L’accordo descrive la collaborazione di base nel servizio di polizia aerea quotidiano – come l’intercettazione, l’identificazione e l’accompagnamento di un velivolo straniero andato fuori rotta – oltre i rispettivi confini, ma anche il processo relativo allo scambio sulla situazione aerea o l’utilizzo dei settori d’allenamento e gli allenamenti in comune. L’accordo originario è stato il primo accordo di questo genere in Europa. Esistono accordi simili anche con gli altri tre Stati confinanti: Germania, Italia e Austria.

Le Forze aeree svizzere e francesi lavorano mano nella mano

Le centrali d’impiego nazionali delle Forze aeree svizzere e francesi responsabili della sicurezza dello spazio aereo collaborano quotidianamente. Inoltre svolgono, a scadenze regolari, esercitazioni per allenarsi nei vari impieghi di polizia aerea. In caso di avvenimenti importanti nella fascia di confine, come per esempio durante conferenze, le Forze aeree francesi e svizzere lavorano fianco a fianco per garantire una protezione adeguata della conferenza nello spazio aereo.

Protezione dello spazio aereo

Le Forze aeree sorvegliano lo spazio aereo in permanenza. Nell’ambito dell’attività quotidiana assicurano la sicurezza dello spazio aereo con velivoli da combattimento, vanno in soccorso di equipaggi in difficoltà, intervengono in caso di violazione dello spazio aereo, fanno rispettare le limitazioni nello spazio aereo durante le conferenze e proteggono il luogo della conferenza contro eventuali attacchi aerei. Nei periodi di forte tensione o, nella peggiore delle ipotesi, di un attacco armato, le Forze aeree devono salvaguardare la sovranità sullo spazio aereo oppure difendere lo spazio aereo.


Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale