print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

«Da noi la truppa fa il pieno di energia»

Il battaglione della logistica 52 ha il compito fondamentale di fornire appoggio alla Base logistica dell'esercito. A tale scopo impiega per esempio meccanici, soldati del rifornimento e autisti, che adempiono compiti in tutta la Svizzera. I refettori delle varie compagnie non sono perciò solo utili alla sussistenza, ma rappresentano anche uno dei pochi luoghi in cui tutti i militari di una determinata formazione si ritrovano insieme. L'appuntato Nino Allemann, in qualità di cuoco di truppa, lo vive in prima persona.

16.07.2019 | Cellula PIO bat log 52, sgt Rouven Schürch e app Valentin Schürch / Comca D

Niente hamburger, solo insalata. Ma anch'essa viene preparata con amore. (Foto: sgt Rouven Schürch e app Valentin Schürch

Per l'appuntato (app) Nino Allemann è già il quinto CR nel battaglione della logistica 52. Negli otto anni presso questa formazione ha lavorato con tre diversi comandanti di compagnia. Dopo il suo apprendistato di cuoco ha frequentato la scuola alberghiera di Thun. Durante questo periodo ha dovuto in parte sospendere il suo servizio militare. Ora presta nuovamente servizio come cuoco di truppa e serve squisiti piatti ai suoi camerati della compagnia 2.

App Nino Allemann, come descrivi la tua funzione di cuoco di truppa?

Nino Allemann: in linea di principio cerchiamo di dare alla truppa la motivazione necessaria per la giornata. In fondo siamo gli interlocutori dell'intera compagnia. Da noi passano tutti, dal soldato al comandante di compagnia. Ciò ci permette di curare il contatto con le persone. Per questo motivo trovo che il lavoro in cucina sia un'attività molto interessante e variata. Da noi la truppa fa il pieno di energia e motivazione al mattino e ricarica le batterie dopo una dura giornata.

Quali sono stati per te i vantaggi maggiori dell'istruzione di cuoco di truppa?

L'insegnamento più utile l'ho tratto dal fatto che come cuoco di truppa ho dovuto cucinare con proporzioni completamente diverse su un'altra scala. In ambito civile non avevo mai avuto l'occasione di cucinare in tali quantità. I calcoli svolgono un ruolo molto più importante in ambito militare e hanno maggiori conseguenze.

Qual è stata l'esperienza culinaria più particolare che hai vissuto durante il servizio militare?

La più particolare? Proprio ieri mi sono ritrovato in una situazione che rimarrà sicuramente a lungo nel cassetto dei bei ricordi. La scuola di Dintikon, dove abbiamo il nostro alloggio della truppa, ci ha chiesto se i bambini potevano cuocere i panini con noi in cucina. I panini servivano per la rappresentazione scolastica. Perciò ieri ho passato tutto il pomeriggio con bambini curiosi e motivati e con i loro insegnanti in cucina, aiutandoli a preparare e cuocere le trecce. È stata veramente una bella esperienza e secondo me rispecchia quello che rappresenta l'esercito di milizia: l'esercito per il popolo, dal popolo.

Cosa differenzia la professione di cuoco in ambito civile dall'ambito militare?

Molti ristoranti e cucine non hanno una struttura così precisa come nell'esercito. In ambito civile puoi vivere la professione di cuoco in maniera più individuale. Bisogna abituarsi al fatto che nell'esercito la giornata è strutturata in maniera fissa e che c'è molto di prestabilito a cui attenersi. La differenza più grande come già detto sono le quantità. Devi cercare di trasferire tutta la qualità e l'amore che al ristorante metti in un singolo piatto in una casseruola da 100 litri senza dare l'impressione che sia una produzione di massa.

Per molti versi la truppa dipende dalla cucina. Come cuoco senti una certa pressione?

Non direi che si tratta di pressione. Piuttosto provo gioia e un certo orgoglio. Personalmente qui mi motiva il fatto che posso fare qualcosa di buono nella truppa. Perciò cerco sempre di dare il massimo in ogni situazione, perché giova ai miei camerati. Finora abbiamo constatato che il nostro impegno viene riconosciuto e apprezzato.

Qual è stata la pietanza migliore che hai mai cucinato nell'esercito?

L'hamburger era ottimo! Il piatto è stato apprezzato molto anche dalla truppa. Sono un vero fan degli hamburger, sono stato in quasi tutti i ristoranti di hamburger della Svizzera tedesca. Io stesso ritengo di preparare l'hamburger migliore (ride).

«In ambito civile non avevo mai avuto l'occasione di cucinare in tali quantità», commenta l'app Nino Allemann riguardo alla sua funzione di cuoco di truppa.

Truppenabzeichen Log Bat 52