print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

La collaborazione è stata premiata

In occasione dei World Media Festival tenutisi a metà maggio ad Amburgo, il DDPS ha ottenuto riconoscimenti a livello internazionale con due sue produzioni. Inoltre il cameraman Marc Bachmann è stato premiato con lo Special Award «Magic Eye» per la miglior cinematografia nel video «Tiro e attività fuori del servizio». Queste distinzioni sono il risultato dell’eccellente collaborazione tra il Centro dei media elettronici (CME), la truppa e specialisti esterni.

05.06.2019 | Comunicazione Difesa, Christoph R. Schelhammer

IMG_6111_web
Il cameraman freelance Marc Bachmann ha ottenuto lo Special Award «Magic Eye» per la miglior cinematografia.

Il 15 maggio nella città anseatica, in occasione del conferimento degli «Intermedia Globe», con i suoi due prodotti «Tiro e attività fuori del servizio» (TAFS) e «Aerodromo militare di Meiringen», il CME si è piazzato sul podio. Il video su Meiringen è stato premiato con l’argento mentre quello sul TAFS ha addirittura ottenuto l’oro. Inoltre con il TAFS il cameraman freelance Marc Bachmann ha ottenuto lo Special Award «Magic Eye» per la miglior cinematografia. Queste distinzioni internazionali sottolineano ancora una volta l’elevata qualità dei prodotti CME, che sono in grado di competere sul piano internazionale.

Riconoscimento di prestazioni

I primi contatti di Bachmann con il CME risalgono a circa una decina di anni fa grazie a un fornitore di servizi cinematografici, produttore per la Televisione svizzera. Quando si è messo per conto proprio nel 2011, le sue relazioni d’affari con il CME del settore dipartimentale Difesa si sono intensificate. Bachmann, che in verità si sente più nel suo ambiente nell’ambito pubblicitario, ha già collaborato a numerose produzioni del CME come recentemente al video «Professioni dell’esercito» e alla serie «Deciditi», di cui la seconda parte è appena stata pubblicata.

Per il freelancer emergente della regione di Brugg (AG), lo Special Award «Magic Eye» rappresenta il suo primo premio cinematografico della carriera. Nel 2016 la produzione di SPHAIR «Touch the Limits», a cui aveva partecipato, aveva vinto un premio di produzione. Bachmann è orgoglioso del riconoscimento. «È il coronamento del lavoro che forniamo quotidianamente nel CME. Inoltre per me è una conferma professionale», afferma Bachmann. Infatti le giornate sono lunghe e frenetiche fino all’ultimo ciak. Ciononostante il tempo è sempre contato. È un duro lavoro quello del piccolo team durante le giornate di produzione sia in qualità di regista, cameraman, tecnico del suono o delle luci sia quale assistente, ragion per cui è molto importante che tutti remino nella stessa direzione.

Il successo grazie al sostegno

Il vincitore del «Magic Eye» apprezza del resto anche lo spirito particolare che regna nel CME. Si lavora in perfetta armonia, soprattutto perché il team di produzione è collaudato da tempo – una squadra affiatata – che accresce la costanza sul set. «Siamo veloci e snelli e siamo in grado di dare il meglio nel poco tempo a nostra disposizione». Inoltre intuizione e flessibilità sul set sono particolarmente importanti per poter reagire rapidamente ai mutamenti esterni quali possono essere i cambiamenti meteorologici.

Non è nemmeno da sottovalutare il considerevole sostegno che il team riceve dall’ambito militare. Bachmann ricorda anche l’eccellente supporto da parte delle truppe, che è importante soprattutto per una piccola squadra con poco tempo e un budget modesto. Solo in questo modo è possibile raggiungere un livello così elevato da poter mostrare con orgoglio anche a un pubblico esterno. È un’ulteriore conferma che il metallo prezioso ottenuto ad Amburgo è il coronamento di un’eccellente collaborazione.  

Su Marc Bachmann

Il quarantenne Marc Bachmann di Umiken (AG) ha seguito la formazione di fotografo pubblicitario a Brugg (AG) prima di passare all’inizio del 2000 alla televisione regionale Tele M1 dove ha svolto uno stage di cameraman. Dal 2006 al 2011 ha lavorato per un fornitore di servizi cinematografici di Zurigo, grazie a cui ha conosciuto il CME. Nel 2011 Bachmann si è messo per conto proprio. Le relazioni con il CME si sono intensificate e da oltre 10 anni accompagna da dietro la cinepresa i prodotti dell’agenzia dei media Difesa.

Bachmann è un cameraman polivalente e il suo punto forte è la pubblicità. Oltre a lavorare per il CME, realizza filmati di alta qualità nel settore pubblicitario e corporate video. Saltuariamente torna alla sua prima passione, la fotografia, e ha pubblicato quale coautore i volumi illustrati «Wohnen wir im Paradies?» (Lars Müller Publisher 2016) e «90plus – Mit Gelassenheit und Lebensfreude» (Edizioni Limmat 2019).

Premi

World Media Festival 2019 Awards

002_web
Il 15 maggio ad Amburgo sono stati consegnati gli Intermedia-Globes, tra i vincitori troviamo anche il CME.

INTERMEDIA GLOBE GOLD : «TIRO E ATTIVITÀ FUORI DEL SERVIZIO»

Premio Speciale : « Magic Eye » for Best Camerawork
Partecipante : DDPS – Centro dei media elettronici (CME), Svizzera
Committente: DDPS, Svizzera

INTERMEDIA GLOBE SILVER : «LA BASE AEREA DI MEIRINGEN»

Categoria: Public Relations | Public Information
Partecipante : DDPS – Centro dei media elettronici (CME), Svizzera
Committente: DDPS, Svizzera

 

Video

Tiro e attività fuori del servizio

La base aerea di Meiringen