print preview Ritornare alla pagina precedente Pagina iniziale

La truppa guida Benz

In ogni parcheggio della truppa non potevano mancare. Per quasi 30 anni i Puch sono stati i fedeli compagni dei viaggi dei militari svizzeri. Ma ora è finita; anche alle unità impiegate al WEF è stato dato in dotazione il Mercedes-Benz Classe G. Abbiamo testato il nuovo SUV.

09.01.2020 | CUMINAIVEL | ac/gr

Nuovo Puch
Nuovo Puch - G Klasse

Alcune cose non cambiano mai. Come per il Puch, e ancor prima per il Pinz, prima di poter iniziare a guidare il modello dell’esercito della nuova Mercedes Classe G deve essere girato l’interruttore che dà il contatto alla batteria. Solo così il motore a 6 cilindri può ruggire. Per il resto il nuovo veicolo non somiglia per niente al suo predecessore. Mentre il Puch era ancora piuttosto pesante e ingombrante, la Classe G scivola docilmente sull’asfalto. I 184 CV della nuova "jeep militare" non possono però essere sfruttati dall’inizio. A differenza del vecchio Puch, la nuova Mercedes ha un motore diesel e deve “andare” in temperatura. È a quel punto che la versione militare della Classe G mostra di che pasta è fatta: la velocità massima potenziale è di circa 160 km/h. Una velocità che con il Puch si ci poteva sognare solo con il vento in coda e che la truppa evidentemente, ligia ai limiti stradali, non potrà raggiungere. Grazie alla sua potenza, secondo le indicazioni del costruttore il modello della Mercedes gestisce anche pendenze fino al 100%.

All’interno il veicolo offre un'esperienza di guida completamente diversa. Dispone inoltre di due comodi sedili posteriori per i passeggeri e, poiché il telone del Puch è stato sostituito da un tetto fisso, il consueto rumore assordante dei viaggi precedenti è solo un ricordo. Anche l'autoradio è un optional gradito, così come l'impianto di climatizzazione garantisce un comfort aggiuntivo, anche se è improbabile che sia necessario utilizzarlo durante l’impiego al WEF, durante il quale le temperature sono glaciali.

Rispetto al suo predecessore, la Classe G rappresenta un passo avanti, ma non c'è da stupirsene data la differenza di età. Il nuovo veicolo non offre alle truppe che lo utilizzano solo maggiori prestazioni e comfort, bensì anche maggiore sicurezza, soprattutto su strade innevate o su terreni impraticabili.