print preview Ritornare alla pagina precedente Esercizi e attività

I soldati sport contribuiscono a tre medaglie delle quattro vinte

Insieme alla Norvegia, la Svizzera si inserisce al primo posto dello specchietto delle medaglie dei campionati del mondo di sci della FIS a Åre (Svezia). Tre delle quattro medaglie sono state ottenute da soldati sport dell’esercito svizzero, l’oro della gara a squadre come pure l’argento di Corinne Suter nella discesa e la sua medaglia di bronzo nel super G.

18.02.2019 | UFSPO, Kurt Henauer

© Swiss-Ski
© Swiss-Ski

Oltre all’oro di Wendy Holdener nella combinazione, sono fonte di orgoglio il soldato sport Ramon Zenhäusern che ha brillato in ogni turno della gara parallela, Sandro Simonett (primo sostituto, anch’egli soldato sport) e il trio (che però non fa parte dell’esercito) Holdener, Aline Danioth e Daniel Yule. Mentre gli uomini non hanno portato a casa medaglie nelle discipline individuali, Corinne Suter (soldato sport), che non è mai salita sul palco nella coppa del mondo, ha ottenuto due preziose medaglie di argento e bronzo nel singolo.

Un folto gruppo di soldati sport

Nella squadra svizzera di 22 atleti, nove atleti e tre atlete figurano nell’esercito svizzero come soldato sport o soldato con contratto a tempo determinato. Globalmente, nelle undici corse su 47 partenze 25 erano atleti militari. E, da non dimenticare, nello staff di Swiss-Ski otto allenatori e tre fisioterapisti presenti ad Åre esercitano anche nell’ambito dell’esercito. Nel 2018 questi assistenti hanno accumulato 999 giorni di servizio a beneficio dello sport di punta.

Contando anche la squadra sportiva, l’intera delegazione di Swiss-Ski presente durante i campionati del mondo ha beneficiato di 3852 giorni di ripetizione che nel 2018 sono stati indennizzati grazie alla promozione dello sport di punta dell’esercito con l’assicurazione indennità per perdita di guadagno e il soldo nell’ambito delle attività di allenamento e gara. Nella delegazione svizzera erano inoltre presenti anche Marco Odermatt e Niels Hintermann che hanno concluso nel 2018 la SR per atleti di punta.

© Swiss-Ski
© Swiss-Ski